Westminster chiude, Bercow lascia, per ora niente voto

Elezioni non prima di novembre. Johnson,'non rinvierò la Brexit'

Il Parlamento britannico chiude i battenti per cinque settimane, per volere di una contestatissima decisione del governo Tory di Boris Johnson, mentre il Regno Unito resta in mezzo al guado della Brexit. E lo speaker della Camera dei Comuni, John Bercow, annuncia clamorosamente le sue dimissioni in aula, in aperta polemica con il primo ministro. Il caos politico che agita il Regno Unito a meno di due mesi dalla scadenza ufficiale del 31 ottobre, data della teorica uscita dall'Ue a oltre tre anni dal referendum del 2016, si colora di fuochi d'artificio a Westminster nella giornata che segna l'avvio della cosiddetta prorogation: l'interruzione post-estiva delle sedute reinventata dall'esecutivo nella dimensione di una pausa-fiume rispetto al rituale strumento ordinario della durata di pochi giorni che era. Una sospensione che lascia il Paese nell'impasse.

E soprattutto lascia irrisolto il muro contro muro fra il premier e la maggioranza dei parlamentari sia sulla questione di un ulteriore rinvio di tre mesi della Brexit sia sui tempi della convocazione di nuove elezioni anticipate, con la sonora bocciatura nella notte per la seconda volta della mozione presentata da Johnson per cercare di ottenere la convocazione delle urne il 15 ottobre: un obiettivo rinviato ormai almeno a novembre

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA