Venezuela: ambasciatore in Iraq passa con Guaidò

E' il primo diplomatico del Paese a mollare Maduro

L'ambasciatore del Venezuela in Iraq, Jonathan Velasco, ha annunciato di aver deciso di sostenere Juan Guaidò quale legittimo presidente del suo Paese, divenendo così il primo diplomatico venezuelano a disconoscere la legittimità di Nicolas Maduro. In un video messaggio diffuso sui social media, di cui riferisce il quotidiano degli Emirati arabi in lingua inglese The National, Velasco, afferma che "l'Assemblea nazionale è l'unico potere della Repubblica che ha etica, legittimità e legalità".

Le probabilità di una guerra civile? "Nessuno può rispondere con certezza. Dipende dal livello di pazzia dell'impero settentrionale e dei suoi alleati". Lo dice Nicolas Maduro in un'intervista al programma 'Salvados', in onda domenica sera sulla tv spagnola e di cui un'estratto è anticipato da La Vanguardia. "La gente si sta già armando. L'opzione militare è sul tavolo di Trump. Cosa dovrebbe fare un Paese? Arrendersi?", prosegue Maduro, invitando Trump a "fermarsi: stai facendo errori che ti sporcheranno le mani di sangue".

La Piazza sta con Guaidò. Maduro ringrazia anche Roma
Una marea umana è scesa in piazza sabato in Venezuela per appoggiare Juan Guaidò. E chiedere a gran voce l'uscita di scena di Nicolas Maduro in una giornata che ha visto la polizia rimanere a guardare, senza intervenire, e un alto ufficiale dell'aeronautica disertare, passando all'opposizione. Ma Maduro sembra non voler mollare: il colpo di "stato è fallito", scandisce davanti alla sua gente riunita in una contro manifestazione. Non senza dimenticare di ringraziare per la "solidarietà ricevuta dal mondo intero", rimarca citando New York, Madrid, Saragozza, Boston, Londra e anche "Roma", così come "Buenos Aires: il mondo intero che si è mobilitato per il Venezuela e contro l'interventismo di Donald Trump". Parole che rimbalzano come una palla di fuoco nel già incandescente clima politico italiano con l'opposizione che - per voce del capogruppo Pd al Senato, Andrea Marcucci - "chiede a Conte chi ha dato la solidarietà" al dittatore venezuelano, sottolineando che la "posizione del governo è sempre più imbarazzante".

Dall'esecutivo arriva però pronta la replica del sottosegretario agli esteri Guglielmo Picchi: "Caro Nicolas Maduro lascia subito. Nessuna solidarietà da Roma, non ti riconosciamo come presidente. Elezioni Subito", twitta il leghista rilanciando la posizione dell'Italia che non si è voluta schierare con Madrid, Londra, Parigi e Berlino nel lanciare l'ultimatum: o una data per le elezioni o il riconoscimento di Guaidò. L'Italia - è la posizione - non sta né con Maduro, né con Guaidò ma vuole elezioni in un percorso democratico per evitare lo stallo nel paese, nell'interesse del popolo venezuelano. I centinaia di migliaia di manifestanti in Venezuela si sono dati appuntamento principale a Las Mercedes, nell'Est della capitale, dove Guaidò ha proclamato che "oggi il Venezuela sorride, un sorriso che nasce dalla speranza che riusciremo a cambiare il paese". Il giovane dirigente oppositore ha annunciato la creazione di tre centri di assistenza umanitaria in Colombia, Brasile e un paese dei Caraibi che non ha identificato.

"Ci sono 250 o 300 mila venezuelani che rischiano la vita" a causa della mancanza di medicine, ha spiegato, e "in una prima fase l'assistenza umanitaria sarà destinata a loro", ha rassicurato. Per poi annunciare una manifestazione nei prossimi giorni, "per accompagnare l'arrivo di questa assistenza dall'estero" e un'altra protesta per il 12 febbraio. Guaidò ha chiesto anche alle Forze Armate di "pronunciarsi a favore della Costituzione, dell'assistenza umanitaria, del cambiamento, per la tua famiglia, il tuo paese e l'onore della Forza Armata nazionale". I costanti richiami dell'opposizione ai militari e le forze di sicurezza sembrano cominciare a dare i loro primi frutti. In almeno due città venezuelane i reparti antisommossa si sono rifiutati di partecipare nella repressione delle proteste, e un generale del comando dell'Aeronautica ha annunciato che riconosce a Guaidò come presidente legittimo del Venezuela. In un breve video, il generale Francisco Esteban Yanez Rodriguez ha assicurato che il 90% delle Forze Armate non appoggia il governo, sottolineando che Maduro "ha a sua disposizione due aerei pronti ad ogni ora", per cui "è ora che se ne vada". Maduro, però, non ha dimostrato nessun cedimento, accusando la Casa Bianca di essere "governata dal Ku Klux Klan" e proclamando che "siamo in pace, abbiamo vinto con la pace, abbiamo sconfitto il golpe", assicurando che le Forze Armate "sono ogni volta più leali e compromesse con la Rivoluzione bolivariana".

Ed ha anche confermato "tutto l'appoggio al dialogo" per risolvere la crisi, promosso da Bolivia, Messico, Uruguay e la Comunità dei Caraibi (Caricom), proponendo come primi punti per una trattativa "la fine delle sanzioni e del furto dei nostri asset da parte degli Usa" ed "il rispetto della pace e la giustizia". In quanto alla richiesta di elezioni presidenziali anticipate, Maduro è tornato a respingerla, definendosi "presidente costituzionale, eletto legalmente e democraticamente" e proponendo invece, come già fatto nei giorni scorsi, che si convochino invece elezioni anticipate per rinnovare il Parlamento, dove l'opposizione controlla dal 2015 più del doppio dei seggi del chavismo, ma non dispone di alcun potere reale perché il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsj) l'ha dichiarato in oltraggio all'alta corte. Il presidente venezuelano si è poi rivolto ai membri della Milizia Bolivariana per invitarli a partecipare alle manovre militari previste dal 10 al 15 febbraio, promettendo che "saranno le manovre più grandi e importanti della storia del Venezuela".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA