Iran: morto per sciopero fame dissidente

E' Vahid Sayadi Nasiri, decesso nel carcere di Qom

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Un attivista politico detenuto in Iran, Vahid Sayadi Nasiri, è morto nel carcere di Qom dopo 60 giorni di sciopero della fame. Lo ha reso noto la sorella, citata dal sito Human Rights Monitor.
    Secondo la donna, Elaheh Sayadi Nasiri, il fratello digiunava per protestare contro il fatto che era tenuto nella sezione di massima sicurezza del carcere insieme a criminali comuni e per chiedere di essere trasferito alla prigione di Evin a Teheran.
    Arrestato una prima volta nel settembre del 2015, Sayadi Nasiri era stato condannato a otto anni di carcere per "insulti alla Guida", Ali Khamenei, e "propaganda contro il sistema di governo" per il contenuto dei suoi post su Facebook. Rilasciato nel marzo del 2017, era stato nuovamente arrestato lo scorso agosto.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA