Regina Paola Belgio colpita da ictus a Venezia

Non in pericolo di vita, dovrebbe rientrare a Bruxelles per accertamenti

Ha avuto un disturbo neurologico transitorio la regina Paola del Belgio ricoverata d'urgenza all'ospedale di Venezia dove i sanitari hanno giudicato le sue condizioni non gravi. La moglie di re Alberto, 81 anni, non è in pericolo di vita e verrà quasi certamente dimessa in giornata dal nosocomio lagunare. La regina, secondo quanto si è appreso, era a Venezia in visita privata quando, nella notte, ha avuto un malore preoccupando le persone che stavano con lei che hanno quindi chiamato il 118. Portata d'urgenza in ospedale la regina Paola, che è stata sempre cosciente, è stata sottoposta a Tac e agli altri esami di rito e trasferita al reparto di neurologia, in una camera singola, tenuta sotto osservazione per tutto il tempo. Dai primi accertamenti, sembrerebbe che la paziente abbia avuto appunto un problema vascolare transitorio. Dovrebbe essere dimessa in giornata.

"La notte scorsa - rileva la direzione sanitaria - si è rivolta al Pronto Soccorso dell'Ospedale Civile di Venezia la Regina Madre del Belgio, Paola Ruffo di Calabria, che si trovava nella città lagunare in visita privata. I sanitari dell'Ospedale Civile - precisano - hanno preso in carico la regina e, rapidamente completato l'iter diagnostico previsto per il caso clinico, sono intervenuti per tutto quanto necessario a stabilizzarne le condizioni, per consentirne poi, d'intesa con i familiari accompagnatori, un trasferimento in sicurezza nel Paese d'origine, dove la Regina proseguirà le cure che saranno ritenute necessarie". "La Regina madre ha trascorso la notte all'Ospedale Civile, dove tutto è proceduto secondo le previsioni; il trasferimento, organizzato dalle autorità belghe in collaborazione con la dirigenza medica dell'Ospedale Civile, - conferma la nota - si svolgerà nelle prossime ore, svolta ogni opportuna verifica". 

Rientrerà a Bruxelles in giornata, fa sapere Palazzo reale, per ulteriori accertamenti.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA