Israele, colpimmo reattore in Siria

Mai ammesso prima

Israele ha ammesso oggi per la prima volta di aver distrutto un reattore siriano. ''Oggi - afferma un comunicato delle forze armate - possiamo pubblicare che fra il 5 e il 6 settembre 2007 la nostra aviazione colpì e distrusse un reattore nucleare in fase avanzata di costruzione a Deir ez-Zor, 450 chilometri a nord di Damasco''. Finora, per volere della censura militare, i media israeliani descrivevano quell'episodio sulla base di ''fonti straniere''.''La distruzione del reattore nucleare, conosciuta come operazione 'Fuori della scatola', fu condotta - precisa il portavoce militare - da otto velivoli dell' aviazione militare, sulla base di sforzi lunghi e complessi di intelligence nonchè operativi.
    Fu così eliminata una minaccia nucleare nei confronti dello Stato di Israele e della intera Regione''. ''Fin dalla fine del 2004 un imponente sforzo di intelligence produsse una grande quantità di preziose informazioni che in definitiva ci consentirono di lanciare un attacco aereo preciso.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA