Merkel all'Eliseo, bilaterale con Macron prima del vertice sui migranti

Summit con leader di Italia, Spagna, Ciad, Niger e Libia

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, è giunta al Palazzo dell''Eliseo per il vertice di Parigi. Al suo arrivo, la leader di Berlino è stata accolta dall'abbraccio del presidente francese Emmanuel Macron con cui ha ora in programma un incontro bilaterale prima del summit con gli altri leader di Italia, Spagna, Ciad, Niger e Libia.

Oltre che sul contrasto al traffico di essere umani e sul codice di condotta imposto alle Ong che operano nel Mediterraneo, la riunione voluta dal presidente Macron mette l'accento su un'altra delle linee guida italiane: l'aiuto concreto ai Paesi di origine dei flussi. Non è un caso quindi che siano stati invitati alla prima sessione del quadrangolare di fine agosto anche il presidente del Niger Mahamadou Issoufou e il presidente del Ciad Idriss Deby Itno.

"Il progetto italiano di cooperazione con 14 comunità locali sulle rotte migratorie in Libia è molto opportuno", si legge nel documento del vertice che l'ANSA ha anticipato. Ma non solo. L'endorsement alla svolta italiana sul comportamento delle navi delle Ong che setacciano il basso Mediterraneo è senza ombre: "Il salvataggio in mare resta una priorità. Germania, Francia, Spagna e l'Alto rappresentante Ue si felicitano - si legge nel documento - per le misure prese dall'Italia nel pieno rispetto del diritto internazionale. Il codice di condotta in materia di salvataggi in mare è un passo avanti positivo che consente di migliorare coordinamento e efficacia dei salvataggi. I capi di Stato e di governo chiedono a tutte le Ong che operano in zona di firmare il codice e di rispettarlo". Un successo per il Governo e per il ministro degli Interni Minniti che proprio ieri ha perfezionato a Roma un importante accordo con quattordici sindaci libici, che in cambio di aiuti si sono impegnati a frenare gli sbarchi. Il Viminale considera centrale il rapporto coi sindaci libici, soggetti di notevole peso in quella realtà, ognuno dei quali si è impegnato a presentare un progetto che "deve decollare a settembre", ha chiesto Minniti.

L'accordo con la Libia permetterà al presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, di presentarsi al presidente francese Emmanuel Macron, alla cancelliera Angela Merkel e al premier spagnolo Mariano Rajoy con qualcosa di concreto. Se il documento sottolinea la volontà di Germania, Spagna e Francia "a continuare a sostenere l'Italia, in particolare intensificando i ricollocamenti e fornendo il personale necessario a Frontex e all'Ufficio europeo che si occupa della materia dell'asilo", oggi è intervenuta con estrema chiarezza anche la cancelliera tedesca Angela Merkel. "Tutti in Europa devono accettare che il vecchio sistema-Dublino non è sostenibile. Non può essere che Grecia e Italia debbano sopportare da sole tutto il carico, soltanto a causa del fatto che la loro posizione geografica è tale che i profughi arrivano da loro", ha detto in una intervista alla Welt am Sonntag. "Per questo i profughi vanno distribuiti in modo solidale". Resta da vedere cosa ne pensino i Paesi del nord dell'Unione, a partire dall'Austria. E soprattutto quanto i Paesi del Gruppo di Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia) prenderanno sul serio queste affermazioni dopo che da mesi denunciano "il ricatto e il diktat" della Ue verso di loro sul tema della politica migratoria comune.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA