Damasco smentisce Usa su esecuzioni di massa in Siria

Ong, in zone de-escalation 94% meno violenza

 Il governo siriano nega ''categoricamente" le accuse degli Usa sulle esecuzioni di massa nel carcere e sul crematorio per bruciare le vittime.  L'agenzia ufficiale governativa siriana Sana cita una non meglio precisata "fonte responsabile al ministero degli esteri", secondo cui "le asserzioni dell'amministrazione americana sul cosiddetto crematorio della prigione di Saydnaya fanno parte di una storiella ideologica staccata dalla realtà". Il governo siriano ha sempre smentito di commettere violazioni ai diritti umani nelle carceri del paese. 

Ong, in zone de-escalation 94% meno violenza - E' diminuito fino al 94% il grado di violenza in Siria nelle "zone di de-escalation" definite dall'accordo di Astana raggiunto 10 giorni fa da Russia, Iran e Turchia, col benestare dell'Onu e con l'assenso di fatto degli Stati Uniti. Lo riferisce oggi l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), che monitora le violenze nel paese grazie a una capillare rete di attivisti e ricercatori. - Secondo l'Ondus, nelle quattro zone di "de-escalation" (Idlib, Daraa-Qunaytra, Homs-Hama, sobborghi orientali di Damasco), è diminuito sensibilmente il numero delle vittime di raid aerei e di artiglieria russi e governativi, facendo segnare una flessione dell'85% in alcune aree e del 94% in altre.

Usa contro Assad,prigionieri uccisi e bruciati in forni  - Esecuzioni di massa dei prigionieri della guerra civile tramite impiccagioni e distruzione dei loro corpi in un crematorio per nascondere le prove: è la terribile accusa mossa oggi dall'amministrazione Trump a Damasco. Il governo di Assad "è sprofondato in un nuovo livello di depravazione" con il sostegno di Russia e Iran, ha denunciato Stuart Jones, alto diplomatico Usa per il Medio Oriente mostrando le foto satellitari del presunto crematorio, che sarebbe stato ricavato modificando un edificio della prigione militare di Saydnaya, a 45 minuti a nord di Damasco. Sono immagini scattate durante vari anni, a partire dal 2013, e che non costituiscono una prova schiacciante e definitiva sulla natura dell'edificio ma mostrano una struttura coerente con tale uso. In una foto presa nel gennaio del 2015, ad esempio, si vede un'area del tetto dell'edificio con la neve che si scioglie. "Noi crediamo che il regime siriano abbia installato un crematorio nella prigione di Sednaya che potrebbe disfarsi dei resti dei detenuti per nascondere l'ampiezza delle esecuzioni di massa", ha spiegato. Secondo fonti credibili, ha aggiunto, molti corpi sarebbero invece gettati in fosse comuni. Gli Usa, ha promesso, presenteranno le prove alla comunità internazionale. Il Dipartimento di Stato ritiene che nella prigione siano impiccati circa 50 detenuti al giorno. Era stata Amnesty international a puntare per prima il dito contro il carcere di Sednaya: in un rapporto dello scorso febbraio sosteneva che vi venivano impiccate mediamente da 20 a 50 persone a settimana, per un totale tra 5000 e 13 mila vittime in quattro anni. Una carneficina, con l'ombra sinistra di un crematorio che evoca gli eccidi nazisti. L'accusa arriva all'indomani di un'intesa anche tra Usa e Russia sulla creazione di zone cuscinetto in Siria, concordata nei colloqui di Astana tra Mosca, Ankara e Teheran. Ma Jones ha espresso dubbi anche su questo: "Alla luce del fallimento dei precedenti accordi per il cessate il fuoco, abbiamo motivo di essere scettici". E ha rilanciato il monito al regime di Assad perché fermi tutti gli attacchi contro i civili e le forze di opposizione, richiamando la Russia alla sua responsabilità nel far rispettare a Damasco i suoi impegni. "Siamo inorriditi dal fatto che queste atrocità sono state compiute dal regime siriano apparentemente con l'incondizionato sostegno della Russia e dell'Iran", ha aggiunto il diplomatico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA