Merkel: 'No a club esclusivi in Ue preclusi ad altri'

Cancelliera, Europa a più velocità già esiste

Non conferma il sorpasso della cancelliera, che perde vistosamente terreno, ma la velocissima ascesa dei socialdemocratici di Martin Schulz viene registrata, in modo nettissimo, anche dal sondaggio Forsa di questa settimana. Stando ai dati rilevati, l'SPD conquista altri 5 punti, rispetto alla settimana scorsa, toccando il 31%. Mentre l'Unione (Cdu-Csu) di Angela Merkel perde ancora un punto e scivola al 34%. In calo Alternative fuer Deutschland al 10% (-1), i Verdi restano all'8%, come la Linke che perde un punto; perdono anche i liberali dell'FDP al 5% (-1). In un confronto diretto (solo teorico), Schulz e Merkel raggiungerebbero lo stesso risultato, con il 37% delle simpatie. Il che significa, però, un calo per la cancelliera di ben 5 punti, mentre l'ex presidente del Parlamento europeo sale di 4. Nei giorni scorsi, un sondaggio dell'Insa, commissionato dalla Bild, ha registrato addirittura un sorpasso, con l'SPD a 31 punti e l'Unione al 30%.

 "Non devono esserci club esclusivi, in cui altri stati membri non possano entrare". Lo ha detto Angela Merkel, tornando sul concetto di "Europa a diverse velocità" e ricordando che le diverse velocita già esistono in Europa. "È importante che a ogni stato membro sia lasciata aperta la possibilità di collaborare in un nuovo campo", ha spiegato Merkel. "Magari uno Stato dice, 'non voglio adesso'. Ma non deve esser possibile che si creino dei club esclusivi, in cui altri non possano entrare. Questa deve essere la base della nostra collaborazione", ha continuato la cancelliera, in conferenza stampa a Varsavia con la Szydlo. "Se uno Stato dice 'non voglio ancora venire là', questo deve essere possibile", ha aggiunto. E meccanismi del genere esistono nei trattati, ha concluso. "La definizione di mercato interno è più ampia della circolazione delle merci o dell'ambiente, e al momento, detto sinceramente, non posso immaginare che sia realistica la possibilità di ritirare qualcosa", ha detto ancora la canceliera rispondendo a una domanda sulle proposte polacche per l'Ue. Per quel che riguarda i confini, "dove sono le frontiere dell'Europa", ha aggiunto, "si può anche prevedere qualcosa nell'ambito dei trattati attuali". La cancelliera è intervenuta anche sulla situazione in Ucraina giudicandola "preoccupante"."Gli accordi di Minsk non sono stati ancora attuati e le sanzioni alla Russia non possono essere tolte", ha detto a Varsavia. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie