Parigi: il Bataclan riapre il 12 novembre con Sting

A un anno dal sanguinoso attentato jihadista, sabato 12 concerto, 13 commemorazione con Eagles of Death Metal

"Sting rispetta l'anima e la storia del Bataclan": molto emozionato, Jerome Langlet, proprietario del teatro, ha annunciato la data di un concerto diverso da tutti gli altri, quello con il quale il musicista inglese riaprirà la sala da concerti dove 90 spettatori furono uccisi da tre terroristi kamikaze la sera del 13 novembre 2015.

Il Batalclan riaprirà sabato 12 novembre 

Doveva essere un altro inglese, Pete Doherty, ad inaugurare con una sua performance, il 16, la sala ricostruita dopo la terribile serata della strage. Ma l'appuntamento è stato anticipato per un concerto di più grande prestigio, per il quale erano stati presi in considerazione - secondo quanto si apprende - anche nomi come Patti Smith o Bruce Springsteen.

I posti, soltanto una parte dei 1497 posti della storica sala da concerti, saranno messi in vendita martedì mattina. Ma gran parte saranno riservati alle famiglie delle vittime, ai superstiti che vorranno tornare nella sala rinnovata, ad inviti alle autorità, a giornalisti di tutto il mondo.

Con l'esibizione di Sting, il Bataclan vuole "dimostrare che la Francia è sempre in piedi", ha detto Langlet, aggiungendo che la scelta è caduta sull'artista inglese anche perché, quando era leader dei Police, si esibì proprio nella sala da concerti che anni dopo sarebbe stata bersagliata dai terroristi. Per l'occasione, la sala sarà ovviamente blindata, in particolare con un nuovo sistema di sicurezza per l'apertura delle porte. Telecamere inquadreranno l'interno della sala e trasmetteranno immagini del pubblico all'esterno, agenti in forze saranno mobilitati per la serata.
Sul suo sito, Sting spiega di "sperare di rispettare la memoria e il gusto della vita di coloro che sono caduti.
Riaprendo il Bataclan - prosegue l'artista - abbiamo due compiti importanti da portare a termine. Innanzitutto commemorare e onorare chi ha perso la vita nell'attacco di un anno fa, poi celebrare la vita e la musica che questa storica sala rappresenta. Non li dimenticheremo".

I proventi della serata saranno devoluti interamente alle associazioni di familiari delle vittime 'Life for Paris' e '13 Novembre: Fraternité et Verité'. La presidente di quest'ultima organizzazione, Caroline Langlade, ha detto che "Sting è una persona impegnata sul serio, uno che difende i valori di umanità che ci sono davvero cari. Per noi si tratta di un bel simbolo".
All'indomani del concerto, domenica 13, una targa sarà scoperta davanti al Bataclan, così come altre lapidi nei pressi degli altri luoghi colpiti dai commando jihadisti. Davanti al Bataclan, per l'occasione, ci saranno i musicisti americani della band che si esibiva quella sera, gli Eagles of Death Metal. Sulla targa davanti al Bataclan saranno scolpite 90 stelle, il numero delle vittime della strage, ognuna con le iniziali di un caduto.

LEGGI LO SPECIALE SULLA NOTTE PIU' BUIA DI PARIGI

Pochi giorni dopo la strage, il 7 dicembre, gli U2, che avevano annullato il loro concerto a Parigi previsto per il 14 novembre tornarono a suonare nella capitale frances ospitando sul palco per una emozionante versione di 'People have the power' di Patti Smith proprio gli eagles of Death metal.

 GUARDA IL VIDEO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA