• Panama Papers: "la Cia usava servizi dello studio Fonseca per operazioni coperte come l'Irangate"

Panama Papers: "la Cia usava servizi dello studio Fonseca per operazioni coperte come l'Irangate"

Lo rivela la Sueddeutsche Zeitung: agenti avrebbero fondato società di comodo per agire senza dare nell'occhio. Ue, multinazionali dovranno pubblicare tasse pagate

Non solo paradisi fiscali per evasori, ma anche oasi al riparo da occhi indiscreti per le azioni coperte dei servizi segreti. A partire da quelle della Cia. La Sueddeutsche Zeitung apre un nuovo fronte dei Panama Papers, popolato da società di comodo, create per movimentare denaro necessario a finanziare operazioni sul filo della legalità, e spesso anche oltre. Come nel caso dell'Irangate, lo scandalo che nel 1985-1986 coinvolse vari alti funzionari e militari dell'allora amministrazione di Ronald Reagan, accusati di traffico illegale di armi con l'Iran e finanziamenti occulti all'opposizione dei Contras al governo sandinista del Nicaragua. "I Panama Papers danno una nuova visione negli affari di una dozzina di personaggi ambigui che da decenni sono sospettati di agire nel circuito del servizio di sicurezza - scrive la Sueddeutsche Zeitung - e molti avrebbero aiutato la Cia, anche se gli interessati smentiscono".

Dopo lo scandalo dei Panama Papers la Commissione Ue punta a rafforzare la sua azione contro l'evasione e l'elusione fiscale che costano all'Europa 50-70 miliardi all'anno, e assesta un nuovo colpo alle multinazionali: per loro scatterà l'obbligo della massima trasparenza e dovranno rendere pubblici i dati sulle tasse che pagano, i redditi che producono e i profitti che spostano. Una proposta che però non è piaciuta alla Confindustria europea, che vede un rischio di allontanamento degli investitori dall'Europa, e che non ha soddisfatto nemmeno le ong come Oxfam e Transparency International che non la considerano sufficiente. Il commissario ai servizi finanziari Jonathan Hill è invece convinto che la sua ultima mossa porterà alla luce i 'traffici' delle multinazionali, stabilendo il principio che "le tasse si pagano laddove si generano i profitti". La direttiva - che ora passa al vaglio del Parlamento e del Consiglio - era in cantiere da tempo ma dopo i Panama Papers è stata estesa per colpire anche le attività delle aziende nelle 'giurisdizioni non cooperative', ovvero nei paradisi fiscali. E' la prima volta che la Ue introduce il principio dello "scrutinio pubblico" in materia fiscale. Dopo aver reso automatici gli scambi di informazioni fiscali e di 'tax ruling' tra gli Stati Ue, la Commissione si è spinta oltre gli standard Ocse in materia di trasparenza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA