Pakistan arresta 20 pescatori indiani

Una settimana fa altro caso 88 sorpresi in acque territoriali

Il Pakistan ha arrestato 20 pescatori indiani con l'accusa di aver sconfinato nelle sue acque territoriale. Lo riferisce oggi un comunicato della polizia. Gli uomini, che erano a bordo di quattro imbarcazioni, sono stati fermati ieri dall'Agenzia per la sicurezza marittima (Msa) mentre erano intenti a pescare e sono stati portati a Karachi. "Hanno superato il limite delle acque territoriali pachistane nel mar Arabico - si legge - e sono quindi stati arrestati. I pescherecci sono stati sequestrati". Una settimana fa, in un simile incidente, la Msa aveva arrestato 88 pescatori.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA