Afghanistan: attacco kamikaze vicino a ministero della Difesa, due morti

In mattinata un attacco suicida contro un leader locale nell'est ha provocato 10 morti e 40 feriti tra i civili

Un kamikaze si è fatto esplodere oggi davanti al ministero della Difesa a Kabul causando almeno due morti e 12 feriti. L'autista di un auto nelle vicinanze dell'attentato ha confermato all'ANSA che l'esplosione è stata molto forte e che numerose persone sono state portate in ambulanza nei vicini ospedali. In un messaggio via Twitter il portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid, ha rivendicato l'attentato sostenendo che in esso sono morti "23 funzionari governativi". Si tratta del secondo attacco oggi dopo quello che nella provincia di Kunar ha causato la morte di 12 persone ed il ferimento di altre 40. Un portavoce del ministero della Difesa ha confermato che un attentato è stato realizzato da un kamikaze intorno alle 15:30 locali, senza però fornire un bilancio di eventuali vittime. Da parte sua un testimone oculare ha dichiarato all'agenzia di stampa Pajhwok che l'attentatore suicida ha preso di mira un veicolo delle forze di sicurezza afghane che è andato totalmente distrutto.  Per il momento l'attentato non é stato rivendicato.

In mattinata c'è stato anche un attentato suicida a un leader tribale nell'est - Almeno 10 civili sono morti e altri 40 sono rimasti feriti in seguito a un attentato suicida contro un leader tribale locale nell'est dell'Afghanistan: lo ha reso noto un funzionario del governo. Il funzionario ha detto che il kamikaze era a bordo di una motocicletta e che l'attentato é avvenuto vicino a un parco di Asadabad, una città nella provincia orientale di Kunar. Il leader tribale, Khan Jan, é rimasto ucciso. L'uomo era a capo di una rivolta locale contro i talebani, ha detto il capo della polizia provinciale, Abdul Habib Sayedkhaili. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA