Obama: 'Chiudere carcere di Guantanamo, mina valori Usa'

Il presidente Usa lo promise gia' nel 2008 e vuole realizzarlo prima della fine del mandato. Ma sono molti gli oppositori

Barack Obama presentera' oggi al Congresso americano il piano della Casa Bianca e del Pentagono per la chiusura di Guantanamo. Una chiusura che il presidente Usa promise gia' nel 2008 e che ora vorrebbe realizzare prima della fine del suo mandato presidenziale. Nel supercarcere che si trova nell'isola di Cuba si trovano ancora 91 detenuti e personale formato da circa 2.000 tra civili e militari.
La chiusura viene motivata con gli elevatissimi costi della struttura e con il fatto che viene utilizzata dalla propaganda dell'estremismo islamico per reclutare adepti. I dettagli saranno spiegati nelle prossime ore.  Una parte dei prigionieri, comunque, verra' trasferita in altri Paesi, mentre i restanti detenuti - quelli giudicati troppo pericolosi - verranno trasferiti in un penitenziario sul suolo statunitense.
 Incerto l'esito dell'esame del piano in Congresso dove in molti, non solo tra i repubblicani, gia' promettono battaglia.

Obama,Guantanamo mina valori Usa e non aiuta sicurezza  Se qualcosa non funziona, dobbiamo cambiare corso. Da tempo è evidente che Guantanamo mina i valori americani e non aiuta la nostra sicurezza nazionale. E' controproducente nella lotta al terrorismo. Non è un parere mio ma degli esperti". Ha detto il presidente Usa Barack Obama. Chiudere Guantanamo è "chiudere un capitolo della nostra storia e imparare la lezione dell'11 settembre"

Saranno trasferiti in altri Paesi 35 detenuti di Guantanamo che hanno già ottenuto l'approvazione.

Annunciando il piano per la chiusura di Guantanamo, il presidente Usa Barack Obama ha sostenuto che le "forti e collaudate" corti americane sono in grado di processare i sospetti terroristi e che l'attuale commissione militare non dovrebbe essere un precedente per il futuro. Obama ha sottolineato che gli Usa hanno già detenuto pericolosi terroristi "e lo hanno fatto molto bene".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA