Turchia: denuncia la moglie per aver offeso Erdogan

'Accuserei anche mio padre'. Lei chiede il divorzio

Denuncia la moglie per aver offeso il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. È accaduto a Torbali, distretto della provincia egea di Smirne, dove un uomo di 40 anni ha registrato in casa la voce della consorte di 38, che imprecava contro il capo dello Stato durante una sua apparizione televisiva. A raccontarlo è il quotidiano filo-governativo Yeni Safak, secondo cui poco tempo prima il marito l'aveva avvisata di essere pronto ad accusarla pubblicamente se avesse continuato con le offese. "Denuncerei anche mio padre se insultasse il presidente", ha raccontato l'uomo, dopo aver portato la registrazione in tribunale. A seguito della denuncia, la donna ha chiesto il divorzio dopo 3 anni di matrimonio. Secondo un rapporto presentato a dicembre dal maggiore partito di opposizione, il socialdemocratico Chp, oltre 1.500 persone sono state denunciate dai legali di Erdogan per diffamazione. Tra queste figurano giornalisti, studenti anche minorenni e una ex miss Turchia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA