Siria: a Madaya altri 16 morti per fame

Governativi accusati di bloccare aiuti medici

    Altre 16 persone sono morte di fame a Madaya, città siriana assediata dalle truppe governative e dalle milizie sciite libanesi di Hezbollah loro alleate, dopo l'arrivo di aiuti umanitari, l'11 gennaio scorso. Lo rende noto Medici senza Frontiere, accusando gli assedianti di bloccare la distribuzione di medicinali salvavita per le persone denutrite.
    I 16 decessi si aggiungono ai 35 già denunciati a partire dall'inizio di dicembre.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA