• El Chapo intervistato da Sean Penn, attore indagato. Ecco il covo di Guzman

El Chapo intervistato da Sean Penn, attore indagato. Ecco il covo di Guzman

Su Rolling Stone la foto della stretta di mano tra l'attore e il barone della droga messicano

Ci vorrà almeno un anno, forse anche cinque, perché la giustizia americana possa mettere le mani su Joaquin El Chapo Guzman, il boss del cartello di Sinaloa catturato dai messicani dopo quasi sei mesi di latitanza, anche se l'iter giudiziario per l'estradizione è già formalmente iniziato. E mentre il video che mostra il blitz per stanarlo e la sua cattura fa il giro del mondo, l'altro grande protagonista di questa vicenda, Sean Penn, rompe il silenzio e di fronte al clamore suscitato dalla sua intervista al re del narcotraffico commenta: "non ho nulla da nascondere". A mostrare gli ultimi istanti da uomo libero del boss è stata la Tv privata messicana, che ha mandato in onda il video girato durante la sua cattura. Quindici minuti di adrenalina pura, durante i quali si vedono i marines, mitra in mano e volti incappucciati, che, dopo una violenta sparatoria entrano nella casa del Chapo. Lui riesce a fuggire dalle fognature, ma anche lì viene braccato. Tornato in superficie fa un ultimo tentativo di fuga rubando una macchia. Fermato per la terza volta, si arrende senza fare resistenza.

Sean Penn
finisce nei guai: l'attore è indagato per la sua intervista esclusiva a 'El Chapo', il barone della droga messicano, pubblicata su Rolling Stone. L'incontro segreto tra l'attore e il boss di Sinaloa avrebbe aiutato le autorità messicane a catturare El Chapo.

Il video del blitz della polizia durante la cattura del narcotrafficante

L'incontro tra Sean Penn e il barone della droga messicano El Chapo, avvenuto lo scorso 2 ottobre, è durato sette ore ed è avvenuto in una zona della giungla nello stato messicano di Durango, in cima ad una montagna, al confine con Sinaloa. Secondo quanto raccontato dall'attore americano alla rivista Rolling Stone che ha pubblicato la sua intervista esclusiva con tanto di foto della loro stretta di mano, i due hanno "mangiato, bevuto e parlato" circondati dalle guardie del corpo del boss.

"Non ho niente da nascondere", ha detto Sean Penn al'Ap, dopo le polemiche.

L'evasione da film di El Chapo (VIDEO)

"Sono convinto che la Dea (l'agenzia anti-droga americano) e le autorità messicane seguissero ogni mio movimento in Messico",  confessa Sean Penn nell'introduzione alla sua intervista. "Nel momento in cui sono atterrato, sono diventato sospettoso di tutto", ha aggiunto l'attore rivelando che durante la preparazione dell'intervista era costretto "a usare telefonini una sola volta e poi bruciarli, indirizzi email anonimi, messaggi criptati".

La "cosiddetta intervista" realizzata da Sean Penn al narcotrafficante messicano noto come El Chapo "manda su tutte le furie", ha detto il chief of staff della Casa Bianca Denis McDonough interpellato dalla Cnn, affermando inoltre che la posizione di Sean Penn e degli altri coinvolti pone quesiti.

Nell'intervista, organizzata dall'attrice messicana Kate Del Castillo, che ha interpretato una drug queen messicana in una nota soap opera, Penn racconta che il boss del cartello di Sinaloa, considerato il più grande narcotrafficante del mondo, voleva far girare un film sulla sua vita. Nell'intervista segreta il boss messicano racconta che aveva mandato per tre mesi degli ingegneri in Germania perchè imparassero come evitare problemi scavando il lungo e profondo tunnel attraverso cui il boss è evaso da una prigione di massima sicurezza. Nella stessa intervista 'El Chapo' si vanta anche di essere il più grande fornitore di droga del mondo e di avere una flotta di sottomarini, aerei, camion e navi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA