Libano: 41 i morti in attentati Beirut, rivendica l'Isis

Lo riferisce la Croce rossa. I feriti sono 200, ma ''il bilancio è destinato a salire''

L'Isis ha rivendicato con un comunicato gli attentati di Beirut. Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web. 

E' di almeno 41 morti e circa 200 feriti il bilancio del duplice attentato alla periferia sud di Beirut secondo quanto riferito dalla Croce rossa libanese. Il bilancio è destinato a salire a causa della gravità delle condizioni di salute dei numerosi feriti.  

IL PUNTO DEL CORRISPONDENTE ANSA ALBERTO ZANCONATO

 

 VIDEO

Due esplosioni sono avvenute oggi pomeriggio nel sud di Beirut, secondo diversi media libanesi.

Secondo indiscrezioni, non sono due gli attentatori suicidi ma quattro. La circostanza non è confermata.

La duplice esplosione è avvenuta nella periferia sud di Beirut, sulla vecchia strada dell'aeroporto internazionale, tra il campo palestinese di Burj Barajne e via Husseiniya, nella periferia sud roccaforte del movimento sciita Hezbollah. La tv Lbc afferma che le due esplosioni sono state causate da due attentatori suicidi. 



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA