Catalogna: Mas, contro me caccia grossa

Arrestato tesoriere del suo partito

Il presidente secessionista catalano Artur Mas ha detto di sentirsi "oggetto di caccia grossa" da parte di Madrid dopo l'arresto del tesoriere del suo partito Andreu Viloca nel quadro di una inchiesta su un presunto finanziamento illegale. Mas è stato dichiarato imputato per "disobbedienza" per avere promosso nel 2014 un referendum consultivo sulla secessione catalana. Mas ha promesso di portare nel 2017 la Catalogna all'indipendenza nonostante il veto di Madrid.

La Guardia Civil spagnola ha arestato questa mattina a Barcellona il tesoriere del partito Convergencia (Cdc) nel quadro di una inchiesta su presunte commissioni del 3% che imprese avrebbero versaato alla fondazione del partito CatDem in cambio di contratti pubblici. Andreu Viloca è stato arrestato nella sede di Cdc in calle Corcega, nella capitale catalana. Nei suoi uffici è in corso una perquisizione, riferisce La Vanguardia online. Secondo il quotidiano di Barcellona altri fermi potrebbero intervenire in giornata. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA