Isis decapita e crocifigge 12 combattenti Sirte

Proseguono combattimenti, almeno 150-200 morti

Nuovo capitolo della violenza sanguinaria dell'Isis in Libia. I jihadisti, al culmine dei combattimenti per Sirte, avrebbero decapitato e crocifisso dodici tra i combattenti locali che da giorni combattono per cacciarli dalla città costiera in mano all'Isis da giugno, che avrebbero portato finora a 150-200 morti. Questo nuovo orrore è stato riferito dall'agenzia di stampa libica Lana, che fa capo alle autorità di Tobruk riconosciute dalla comunità internazionale. La notizia di questo massacro è arrivata all'indomani della strage compiuta dall'Isis nell'ospedale di Sirte, in cui 22 pazienti sono stati trucidati. L'escalation della violenza è partita all'inizio della settimana, dopo che i jihadisti hanno ucciso un importante leader salafita, Khaled Ben Rjab.

Il governo filo-islamico di Tripoli la lanciato una vasta operazione per cacciare l'Isis da Sirte, e anche la popolazione si è unita ai combattimenti supportati dalle incursioni dell'aviazione. I combattimenti sono proseguiti anche oggi, soprattutto nella parte orientale della città, secondo quanto si è appreso da fonti locali, secondo cui negli scontri sono rimaste uccise decine di persone. L'ambasciatore del governo di Tobruk in Francia, Chibani Abouhamoud, ha parlato di un vero e proprio "massacro", con almeno 150-200 morti finora. Un altro testimone citato dall'Ap ha detto che l'Isis controlla al momento la zona della moschea e grida agli altoparlanti ai residenti di giurare fedeltà.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA