Isis, Italia invia Tornado con compiti di ricognizione. M5s: "Pinotti entra in guerra"

Non parteciperanno a bombardamenti

L'Italia amplia il contributo fornito alla coalizione anti Isis inviando 4 Tornado con compiti di ricognizione e intelligence. I caccia, confermano fonti militari, non parteciperanno dunque ai bombardamenti e saranno schierati entro Natale nelle base avanzate in Kuwait in modo da potenziare il dispositivo già schierato, due velivoli Predator e un aereo da rifornimento, per i raid sulle postazioni del Califfato dislocate in Siria e Iraq.

La decisione, ha spiegato ieri in un'intervista a 'La Stampa' il ministro della Difesa Roberta Pinotti, è maturata "rispondendo ad una sollecitazione della coalizione e delle autorità locali". I Tornado verranno dunque utilizzati per "ricognizione avanzata" e attività d'intelligence, anche in considerazione del fatto che il recente vertice Nato di Newport ha assegnato all'Italia proprio compiti di vigilanza e ricognizione. "Si tratta di compiti molto delicati in questa fase - ha spiegato sempre ieri in un'intervista al Sole 24 ore il capo di Stato maggiore della Difesa, l'ammiraglio Luigi Binelli Mantelli - perché l'esercito dell'Isis ha imparato sempre di più a nascondere uomini e mezzi in ospedali, scuole e moschee ed è quindi decisivo intervenire con tempi e modalità ben precise, per evitare danni ai civili".

L'invio dei caccia non piace però al M5s, che ora chiede al governo di riferire in Aula. "Il ministro Pinotti entra praticamente in guerra - affermano i deputati della commissione Difesa - Ha dato il via libera alla partenza dei Tornado bypassando completamente l'opportuna autorizzazione delle Camere. Una missione a rate di cui il Parlamento e i cittadini sono del tutto all'oscuro". L'unica risoluzione approvata dall'Italia, sostengono i cinquestelle, risale infatti al 20 agosto e "tratta il mero invio di armamenti leggeri, ovvero mitragliatici kalashnikov e munizionamento, il che esclude l'implementazione di un'autentica missione". Parole alle quali fonti della Difesa replicano affermando che il Parlamento è stato "opportunamente informato" nel corso delle audizioni, nelle quali gli stessi parlamentari cinquestelle si dissero d'accordo con la maggioranza circa la non necessità di un voto.

"Polemiche strumentali e, nel merito, prive di ogni fondamento" le liquida il presidente della commissione Difesa del Senato Nicola Latorre sostenendo che i Tornado, così come tutti gli assetti inviati dal nostro paese, "non parteciperanno attivamente al conflitto". Saranno di "supporto - aggiunge - ad un'opera, rigorosissima, di intelligence". In occasione dell'audizione del 16 ottobre scorso inoltre, Latorre ricorda che il ministro Pinotti "annunciò che l'Italia si predisponeva anche a mettere a disposizione questi mezzi". Dopo aver parlato dei circa 200 militari con funzione di addestratori che andranno presumibilmente ad operare ad Erbil e degli 80 uomini con funzione di consigliere per gli alti comandi delle forze armate irachene, il titolare di via XX Settembre disse che "è in fase di pianificazione l'invio di altri assetti pilotati per la ricognizione aerea".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA