Ucraina: Putin, atteggiamento Obama "ostile" verso Russia

Ucraina, telefonata Putin-Poroshenko prima di vertice Milano

"Credo che sia importante che da questo vertice si esca con una posizione comune sulla crescita sostenibile quale priorità condivisa". Lo ha detto il premier Matteo Renzi, aprendo il vertice Asem a Milano.

"L'Europa e l'Asia devono affrontare la sfida verso uno scenario che rimuova alla radice le cause della povertà" perché è nell' "interesse di tutti i nostri paesi" quello di "garantire la sicurezza alimentare, le risorse idriche, la sicurezza energetica, opportunità sociali e pari opportunità per donne e giovani nel mondo del lavoro", ha aggiunto il presidente del Consiglio.

Situazioni come quella dell'Ucraina ''non possono essere accettate nel continente europeo'', secondo Herman Van Rompuy, il presidente del Consiglio europeo, che ne ha parlato con il premier cinese Li Keqiang all'Asem in corso a Milano. ''Vogliamo aiutare ad avanzare verso una soluzione politica secondo le leggi internazionali - ha spiegato - ed assicurare la fine delle ostilità. Simili situazioni non possono essere accettate nel continente europeo''.

Un vertice che mette a confronto Putin e Poroshenko, ma anche Europa e Russia, per affrontare la questione ucraina da tutti i punti di vista: geografico, politico e, soprattutto, economico. In un momento in cui la crisi non sta facendo sconti a nessuno. E' questo l'obiettivo dell'Italia che è riuscita nell'impresa, dopo mesi di gelo, di mettere attorno a un tavolo il presidente russo e quello ucraino insieme ai leader europei, dopo i venti di guerra fredda seguiti alle sanzioni contro la Russia.

Intanto si apprende che la cancelliera tedesca Angela Merkel, a margine del vertice a Milano, vedrà il presidente russo Vladimir Putin e il presidente ucraino Petro Poroshenko. Gli incontri hanno l'obiettivo di approfondire gli sviluppi sulla crisi ucraina in vista del colloquio di domani tra lo stesso Putine Poroshenko.

Il premier Matteo Renzi aveva puntato all'obiettivo fin dall'inizio, consapevole del fatto che il vertice Europa-Asia di Milano poteva essere l'occasione da non perdere per creare i presupposti per un secondo mini summit, tutto dedicato alla crisi ucraina. Putin, Poroshenko, Angela Merkel, Hollande, Cameron, Van Rompuy, Barroso e, ovviamente, Renzi, si vedranno venerdì all'alba in prefettura, per ragioni di sicurezza, in una Milano blindata. E all'incontro parteciperà anche la lady Pesc in pectore Federica Mogherini.

Un vertice al quale Putin arriverà dopo una girandola di bilaterali, primi fra tutti quelli con il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (che vedrà anche Poroshenko) e poi con la Merkel, in un momento in cui da Mosca sono arrivati chiari segnali di apertura, non ultimo la telefonata di oggi tra Poroshenko e Putin. Del resto non solo sul terreno si continua a morire, nonostante la tregua siglata il 5 settembre, ma anche dal punto di vista economico l'Ucraina è sotto il tacco di una crisi enorme e la Russia inizia a sentire il peso delle sanzioni, con il rublo che ha toccato un nuovo record storico negativo.

Non sta meglio l'Europa, con le borse che mercoledì sono crollate di fronte ai timori di una nuova crisi greca bruciando in un giorno 276 miliardi di euro e lo spread che è tornato a salire. Insomma un accordo che permetta di fermare le armi, rinsaldare i rapporti economici e poter affrontare le diverse emergenze internazionali, dall'Isis all'Ebola, conviene a tutti. Per non parlare della questione del gas russo - Mosca sta già guardando altrove e appena ieri ha firmato un accordo con la Cina per le forniture - che verrà affrontata non solo nel summit sull'Ucraina, ma anche nei bilaterali a margine del vertice Asem. Non è un caso che della delegazione russa facciano parte anche l'ad della Gazprom, Alexiei Miller e il ministro dell'Energia Alexander Novak.

Putin, Obama ostile alla Russia

In un'intervista il presidente russo Vladimir Putin ha accusato il presidente americano Barack Obama di avere un'attitudine ''ostile'' verso la Russia. L'intervista di Putin e' stata rilasciata al quotidiano serbo Politika, alla vigilia della visita ufficiale del presidente russo a Belgrado, e diffusa ieri sera dal Cremlino.

Putin ha anche avvertito gli Stati Uniti e i loro alleati dei rischi che presenterebbero ''i tentativi di esercitare dei ricatti sulla Russia'' per la ''stabilita' stategica'' del mondo. Putin ha fatto riferimento al discorso pronunciato recentemente da Obama all'Assemblea generale dell'Onu, nel corso del quale il presidente americano aveva citato tra le principali minacce mondiali quella che aveva definito ''l'aggressione della Russia in Europa'', riferendosi alla crisi in Ucraina

Incontro Putin-Renzi

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi incontrerà il presidente russo Vladimir Putin venerdì 17 alle 14.00 in prefettura a Milano. Lo rende noto Palazzo Chigi. Giovedì 16 ottobre alle 22 presso l'hotel Rosa Grand avrà luogo il bilaterale con il presidente ucraino Petro Poroshenko.

Vladimir Putin e il presidente ucraino Petro Poroshenko hanno avuto una conversazione telefonica sul conflitto nel sud-est dell'Ucraina e sul vertice Asem di Milano nel quale dovrebbero incontrarsi. Lo fa sapere la presidenza russa in una nota pubblicata martedì in tarda serata, precisando che la telefonata è avvenuta su iniziativa di Kiev.

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA