Usa: poliziotto spara e uccide 18enne afroamericano

Nuove proteste scoppiate in area metropolitana St. Louis

Nuove proteste sono scoppiate nell'area metropolitana di St. Louis, in Missouri, dopo che la notte scorsa un agente fuori servizio ha ucciso un 18/enne afroamericano con 17 colpi di pistola. L'incidente e' avvenuto proprio alla vigilia delle manifestazioni programmate nella vicina Ferguson per protestare ancora una volta contro l'uccisione di Michael Brown, il ragazzo di colore ucciso un paio di mesi fa da un poliziotto. Secondo le dichiarazioni della polizia, l'agente ha fatto fuoco 17 volte, dopo che 'almeno' tre colpi sono stati sparati contro di lui, ma ancora non e' chiaro quanti colpi hanno raggiunto il ragazzo ucciso, che è un afroamericano. Il poliziotto era fuori servizio ma ugualmente in uniforme mentre faceva un secondo lavoro come agente di sicurezza. Secondo le prime ricostruzioni, tre persone sono fuggite dopo averlo visto ed e' cosi' nato un inseguimento, fino ad una lite tra l'agente e il 18/enne, descritto come di colore. L'agente avrebbe fatto fuoco per legittima difesa, dopo che il giovane ha cominciato a sparare.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA