Datagate: Berlino, rapporti Usa devono basarsi sul rispetto

Dopo espulsione capo 007 americani in Germania

"Il nostro rapporto di collaborazione deve essere basato su rispetto reciproco e la fiducia". Lo ha detto il portavoce del ministero degli esteri
tedesco, Martin Schaer a Berlino in conferenza stampa, rispondendo ai cronisti sulla decisione di cacciare il capo dei Servizi americani dopo i recenti casi di spionaggio emersi dal Datagate. Berlino vuole "rinnovare, ravvivare" il rapporto con Washington con la misura presa, che rappresenta "un segnale politico". L'amicizia con gli Usa non è in discussione", ha comunque aggiunto, spiegando che "la nostra collaborazione è più ampia e profonda di quella fra i Servizi".

La questione sarà al centro di un colloquio tra il ministro degli esteri tedesco Frank Walter Steinmeier e l'omologo statunitense John Kerry nel weekend a Vienna, a margine di una nuova riunione dei 5+1 sul programma nucleare dell'Iran.

MERKEL: DIFFERENZA DI PRINCIPI CON GLI USA - Con gli Stati Uniti ''vedo una differenza di principi molto grande rispetto ai compiti dei servizi segreti dopo la guerra fredda.''. Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel, a Berlino, rispondendo a una domanda sul recente scandalo sullo spionaggio degli Usa in Germania. ''Ci sono problemi enormi - non solo le sfide in Siria e con l'Isis - nella difesa dal terrorismo, che per me sono prioritari rispetto alla questione di spiarsi tra alleati'', ha aggiunto Merkel, notando che nel periodo della divisione in blocchi contrapposti ''in generale non ci si fidava degli altri Paesi". Mentre "oggi, nel XXI secolo ci dobbiamo chiedere quali siano i compiti dei servizi'', ha ricordato la cancelliera. ''Ora abbiamo nuove minacce, asimmetriche e credo che in questi tempi, molto più imprevedibili, sia decisivo che si possa costruire fiducia tra gli alleati'', ha concluso la cancelliera.

SCANDALO SPIE PRESO "MOLTO SUL SERIO" - ''Il governo tedesco prende molto sul serio'' le recenti notizie sullo spionaggio Usa in Germania. E' quanto ha scritto Steffen Seibert, portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel, in un comunicato che rende nota e commenta l'espulsione di un diplomatico Usa dalla Germania. Per Berlino ''resta indispensabile la cooperazione stretta e basata sulla fiducia con i partner occidentali, in particolare con gli Usa, nell'interesse della sicurezza dei cittadini e delle forze di sicurezza impegnate all'estero'', si legge nel comunicato. ''Ma per questo sono necessarie la fiducia reciproca e la schiettezza. Il governo federale (tedesco) continua a essere disponibile e si aspetta lo stesso anche dai partner più stretti''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA