di Cinzia Conti
ANSA MagazineaMag #002
L'Italia entrò in battaglia nel 1915

100 anni fa la Grande Guerra

Il più grande conflitto mai visto, una carneficina che sconvolse il mondo cambiandone il destino

L'estate del 1914, cent'anni fa, segnò l'inizio della Prima guerra mondiale, il  più grande conflitto mai visto, una carneficina che coinvolse quasi tutti i continenti, gran parte delle Nazioni e dei loro abitanti, cambiandone per sempre il destino. Tante e tali sono state le novità, le implicazioni, le conseguenze di quel conflitto conclusosi nell'autunno 1918 che solo ad un secolo di distanza il mondo sembra uscire dai solchi che produsse.

Quando furono firmati gli armistizi tra i belligeranti, le vittime si contavano a decine di milioni, mentre i sopravvissuti dovettero adattarsi ad un mondo nuovo e fortemente instabile. Crimini e orrori in vasta scala, armi nuove e micidiali, indifferenza per le spaventose perdite militari e civili hanno accomunato quasi tutti i numerosi fronti aperti.

L'italia entrò in guerra nel 1915, il 24 maggio. Paese povero e impreparato, si trovò presto in trincea per difendere il proprio territorio.

La disfatta di Caporetto nell'ottobre 1917 fu il momento più difficile, ma la resistenza sulla linea del Piave consentì la riscossa fino alla resa degli austriaci a Vittorio Veneto il 4 novembre. L'entusiasmo per la vittoria durò poco, tanti e tali erano stati i sacrifici imposti al Paese. Un mondo era finito, e la nuova era si presentava assai fosca.

La Grande Guerra negli occhi di un soldato

GUARDA LA PHOTOSTORY Fotoracconto

Soldati

Si sta come

d'autunno

sugli alberi

le foglie.

(G. Ungaretti)


I nostri soldati nella Grande Guerra

GUARDA LA PHOTOSTORY Fotoracconto

San Martino del Carso

Ma nel cuore

nessuna croce manca.

E' il mio cuore

il paese più straziato.

(G. Ungaretti)


Tutti quelli che dissero 'no' al fronte

Escono da archivi di Londra migliaia di richieste, 'non posso andare'

Foto ALINARI. Queste e altre immagini sono disponibili su alinariarchives.it e ansafoto.ansa.it

Per ragioni piu' o meno nobili migliaia di britannici cercarono di non andare a combattere sui fronti della Prima guerra mondiale. Fra loro c'erano gli obiettori di coscienza, i padri di famiglia e quelli che cercavano di imboscarsi. I National Archives di Londra, in occasione delle celebrazioni per il 100/o anniversario del conflitto, hanno pubblicato le lettere di implorazione che venivano spedite alle autorita', chiedendo un prezioso esonero, e che quasi sempre venivano respinte.

I documenti arrivano dal Middlesex Appeal Tribunal, uno dei tribunali del Regno preposti ai tempi della guerra a valutare i ricorsi di chi non voleva partire. E non sono rimasti tanti di questi file in circolazione: il governo di Londra, infatti, subito dopo il conflitto decise di eliminare le tante domande ricevute per evitare che potessero turbare la pace sociale.

Anche perche' a ben pochi veniva risparmiata la prima linea e il rischio di morire nelle trincee delle Fiandre, sul fronte italiano, o a Gallipoli, in Turchia. Sugli 8791 casi trattati dal tribunale del Middlesex, solo 26 richiedenti vennero del tutto esentati dal servizio militare mentre ad altri 581 vennero dettate tutta una serie di condizioni per non partecipare al conflitto. L'elenco delle giustificazioni e' molto lungo: si va dall'obiezione di coscienza, alle malattie vere o presunte, ai problemi familiari.

Uno dei casi che piu' colpiscono e' quello della signora Kate Shallis, che vide uno dopo l'altro i suoi figli cadere sui diversi fronti, dall'Oceano Atlantico all'Impero ottomano. Quando il quinto e unico figlio rimasto in vita, John, doveva partire, lei chiese che almeno lui venisse risparmiato. E cosi' accadde: John Shallis e' morto anziano, nel 1975. In un altro caso Harry Harris, 35enne proprietario di un negozio a Londra, affermo' che non poteva lasciare la sua attivita' perche' senza di lui rischiava il fallimento. In questo caso gli concessero solo un mese di proroga per organizzare i suoi affari e poi anche lui dovette indossare la divisa.

C'e' anche il caso limite della moglie di un tale Percival Brown, che nel 1916 aveva scritto al tribunale chiedendo di non partire a causa di una ferita alla schiena. Ebbene la donna, probabilmente di nascosto, invio' un'altra lettera ai giudici, in cui chiedeva esattamente il contrario, ovvero di chiamare alle armi il consorte. La corte la accontento': Percival dovette 'scontare' i suoi problemi di coppia in guerra.


Sono una creatura

Come questa pietra

è il mio pianto

che non si vede.

La morte

si sconta

vivendo.

(G. Ungaretti)


Grande Guerra

Il primo conflitto mondiale con Movio è online

GUARDA LA PHOTOSTORY Fotoracconto

L'erede degli Asburgo: 'Non dateci la colpa'

Parla Karl Habsburg: 'La causa fu il nazionalismo'

Karl Habsburg

''Non date a noi la colpa''. Nell'anno in cui ricorre il centenario dell'inizio della Prima guerra mondiale, Karl Habsburg, erede degli Asburgo, chiede all'Europa di non accusare la sua storica casata di aver scatenato il conflitto che provoco' 37 milioni di vittime tra morti e feriti. Habsburg, ex-europarlamentare austriaco, figlio di Otto e nipote dell' ultimo imperatore Carlo I, lo ha dichiarato in un'intervista rilasciata ad alcuni giornali internazionali, fra cui il britannico Guardian.

In queste settimane, mentre ci si prepara alle celebrazioni del 1914-18, si e' parlato piu' volte di quella 'miccia' che diede il via a una reazione a catena tra Stati che poi porto' ai massacri nelle trincee della Francia, del Belgio e delle Alpi italiane. E la 'miccia' fu l'attentato all'arciduca Francesco Ferdinando d'Asburgo, ucciso a Sarajevo il 28 giugno 1914. L'ultimatum che l'Austria-Ungheria impose alla Serbia dopo la morte dell'erede al trono non venne accettato e cosi' Vienna diede il via alla guerra.

''Sarebbe sbagliato puntare il dito contro un solo Stato - ha detto l'erede Asburgo - si deve invece ricordare che c'erano gia' tensioni molto forti specialmente tra Germania e Russia, che avevano gia' iniziato a mobilitare le loro truppe lungo i confini''. Per lui invece e' molto piu' plausibile la tesi secondo cui le maggiori nazioni europee volevano affrontarsi sui campi di battaglia. ''Molti erano gia' ai blocchi di partenza per il grande conflitto - ha aggiunto - Se si deve incolpare qualcuno allora la maggiore accusa e' da rivolgere al nazionalismo''. Nell'intervista viene anche difeso Carlo I, l'ultimo imperatore della casata austriaca, che avrebbe ''ereditato la guerra'' dopo la morte di Francesco Giuseppe nel 1916.

''Non aveva nulla a che fare col conflitto. Inoltre, aveva fatto diversi tentativi per pacificare la situazione, cosa per cui venne criticato a quel tempo, e uso' anche contatti di famiglia per avviare colloqui di pace''. 


Per il Centenario tra trincee e fortini

In tanti sulle tracce della Grande Guerra, come vivevano i soldati

Dal sito Bellum Aquilarum Onlus

Non c'e' solo il turismo tradizionale: oltre a quello termale, lacuale, balneare, esiste anche un 'turismo militare' che e' destinato, con il centenario della Grande Guerra (1914-1918), che ricorrera' nell'estate del 2014, ad avere nuovo smalto. L'iniziativa del centenario mettera' infatti in moto una nuova domanda di "turismo militare" che dovrebbe riguardare soprattutto le zone di frontiera dove e' ancora viva l'eco del conflitto. Il Trentino, in particolare, mostra ancora oggi i segni della guerra, testimoniato da trincee e fortificazioni permanenti.

Dall'Adamello alla Marmolada, passando per Riva del Garda e Rovereto, e' un susseguirsi di resti e di memorie di quella sanguinosa guerra che sono stati spesso salvati ed esposti nelle sale di numerosi musei.

Nel Castello di Rovereto , per esempio, sorge il Museo storico italiano della Grande Guerra con armi, uniformi, fotografie, cimeli, manifesti, oggetti della vita di trincea, onoreficenze, lettere e diari. A 10 chilometri da Rovereto vi sono le trincee di Matassone, un'area fortificata dove e' possibile vedere camminamenti, postazioni e osservare il luogo in cui correva la prima linea. Da non perdere, per gli amanti del genere, le trincee del Nagia' Grom, in Val di Gresta, l'antica linea di confine dove si scopriranno trincee, ricoveri blindati, depositi di acqua e di alimenti, camminamenti e strade militari. In Alta Pusteria e' stato recentemente creato il Museo all'aperto della Grande Guerra sulla Croda Rossa: un percorso a tappe tra trincee, fortini e postazioni di guardia camminamenti e teleferiche costruite dai soldati. Visite guidate vengono organizzate tutte le settimane, durante il periodo estivo, dai volontari dell'associazione 'Bellum Aquilarum Onlus'.

Tra gli altri siti di interesse storico da visitare in Alta Pusteria ci sono il Museo Storico della prima Guerra Mondiale al Monte Piana, un'area strategica con gallerie, trincee e postazioni e il Cimitero di Guerra Sorgenti, creato nel 1915 nella Val di Landro, dove trovavano riposo i caduti di guerra. Il territorio della Pedemontana Veronese e' caratterizzato dalla presenza di numerosi forti. A Fumane si trova il Forte Masua, costruito dagli italiani tra il 1880 ed il 1885, che offre un punto di osservazione privilegiato sul territorio. A Sant'Ambrogio di Valpolicella il Forte Monte, costruito dagli austriaci tra il 1849 ed il 1852, assicura una vista panoramica mozzafiato sulla Chiusa di Ceraino.

A Dolce' infine il Forte di Ceraino, costruito dagli Austriaci tra il 1850 ed il 1851. La Pedemontana Vicentina ospita l'Ecomuseo della Grande Guerra, il Museo della Grande Guerra a Posina, il Museo degli Alpini a Bassano del Grappa e quello del Recuperante a Recoaro, frutto proprio dei tanti reperti ritrovati negli anni sul territorio vicentino. Uno dei sacrari militari piu' emozionanti e' quello del Monte Grappa, che contiene i resti di 22.910 soldati. A Schio un itinerario interessante e' quello delle 52 Gallerie del Monte Pasubio, mentre sul Monte Cimone restano numerose trincee, il monumento ai caduti e il famoso Salto dei Granatieri. Un altro luogo che merita di essere visto e' l'Isola dei Morti, lungo il fiume Piave, il cui nome ricorda i tantissimi caduti ritrovati in questa zona.

Crespano del Grappa ospita invece il Museo della Grande Guerra, con oltre un migliaio di reperti, mentre a Cima Grappa si trova il Museo storico Guerra 1915-1918. Attorno alla sommita' dei colli Sulder e Collalto sono state recuperate le trincee e gli osservatori bellici della Grande Guerra. A Pederobba sorge lo struggente mausoleo francese, con la monumentale statua delle madri Francia e Italia che sorreggono il figlio morto. Anche il Friuli Venezia Giulia offre, infine, musei all'aperto, monumenti, sacrari, ossari dedicati alle vittime del conflitto oltre a itinerari della Grande Guerra dove rivivere le esperienze e la vita dei soldati.


Prima marcia alpina

Tutti per uno,

mano alla mano

dove si muore discendiamo

(P. Jahier)