• Piazza Fontana: Poniz, parti istituzioni ostacolarono conoscenza della verità

Piazza Fontana: Poniz, parti istituzioni ostacolarono conoscenza della verità

Presidente Anm, anche ruolo magistratura si presta a critiche

   "Parti delle istituzioni repubblicane hanno pervicacemente ostacolato l'accertamento della verità, quando non cospirato al suo occultamento e finanche alla costruzione artificiosa di una verità falsa". Lo ha detto il presidente dell'Anm Luca Poniz, parlando ad un convegno nell'aula magna del Tribunale di Milano sulla strage di piazza Fontana e sulle relative indagini e sui processi. Per Poniz, "anche il ruolo della magistratura si presta a una lettura critica". 

Al convegno,nell'aula magna del tribunale milanese gremita, il presidente Poniz ha parlato della strage di pizza Fontana come di una "ferita mai chiusa e ancora sanguinante". Sul fronte del ruolo della magistratura, il presidente della Anm ha spiegato che ci sono state "decisioni che a molti apparivano criticabili già allora ed appaiono oggi sconcertanti: la vicenda del trasferimento del processo a Catanzaro" è, secondo Poniz, "una delle tante singolarità sul versante giudiziario che restituisce una idea, oggi largamente diffusa, di un atteggiamento tutt'altro che incalzante della magistratura milanese" all'epoca. Per Poniz, però, ben diverso fu "l'atteggiamento e l'impegno della magistratura milanese" negli anni '90 quando le indagini ripresero con vigore "scontrandosi tuttavia con persistenti ostacoli e la difficoltà di una ricostruzione a ritroso".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA