Brexit, May rompe indugi: via al divorzio entro marzo

Premier scopre le carte, articolo 50 attivato a inizio 2017

La Gran Bretagna attivera' all'inizio del 2017, al massimo "entro marzo", l'articolo 50 del trattato di Lisbona per l'avvio formale dell'iter di divorzio dall'Ue. Lo ha detto la premier Theresa May, scoprendo le carte al talk show di Andy Marr, sulla Bbc, nella giornata di apertura della Conferenza annuale del Partito Conservatore a Birmingham.

In un articolo sul Sunday Times si era limitata in precedenza a dire che l'attivazione non sarebbe stata rinviata fino alle elezioni tedesche di settembre.

Il referendum sulla Brexit "e' stato legittimo", anzi e' stato "il piu' grande voto per il cambiamento che questo Paese abbia mai avuto" e "la Gran Bretagna lascera' l'Ue": così la premier Theresa May alla conferenza annuale del Partito Conservatore, ribadendo che "Brexit significa Brexit" e di volerne "fare un successo". Ironia poi su su chi rifiuta il risultato del referendum o pensa di ricorrere alle corti di giustizia: "Ma andiamo...".

"I diritti esistenti dei lavoratori europei" residenti in Gran Bretagna saranno "garantiti in pieno" anche dopo la Brexit: lo ha assicurato Theresa May. Tali diritti, ha insistito May, sono al riparo "almeno finche' io saro' primo ministro".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA