Da rete Ue Een aiuti a 2,6 milioni pmi

Da Commissione europea aiuti 238 mila imprese italiane

(ANSA) - ROMA, 8 MAG - Sono oltre 2,6 milioni, 238.000 mila solo in Italia, le aziende che hanno usufruito del sostegno Een, la rete della Commissione europea a sostegno delle pmi per favorire innovazione e internazionalizzazione che compie 10 anni.
    Istituita nel 2008 dalla Commissione europea, Enterprise Europe Network è presente in più di 60 paesi, con 3.000 esperti ed opera attraverso oltre 600 punti di contatto, di cui 55 in Italia con servizi specialistici alle imprese sul territorio, attraverso camere di commercio, associazioni imprenditoriali (tra cui Confindustria, Cna, Confcommercio, Confesercenti), agenzie di sviluppo, centri di ricerca (quali Cnr, Enea ,Apre) università, parchi tecnologici, autorità locali.
    EEN offre gratuitamente alle pmi e alle organizzazioni che con esse collaborano, quali università, centri di ricerca, una servizi gratuiti, integrati e personalizzati per accrescerne competitività e innovazione, e valorizzare i risultati della ricerca. La rete svolge inoltre un servizio per la individuazione di partner a livello internazionale per intese di carattere commerciale, tecnologico e di ricerca, attraverso banca dati, eventi BtoB e missioni imprenditoriali. Proprio l'Italia figura prima in questi 10 anni per numero di imprese partecipanti ai BtoB, 23.435, e seconda per incontri bilaterali tra operatori.
    Nello stesso periodo oltre 415.000 aziende hanno ricevuto a livello globale servizi di consulenza in tema di innovazione e competitività, di cui 21. 149 solo in Italia. Un crescente rilievo inoltre sono andati assumendo i pacchetti di gestione dell'innovazione, erogati dal 2015, in cui proprio la rete EEN Italia risulta particolarmente attiva, tanto da posizionare l'Italia al secondo posto, dopo il Regno Unito, per numero di imprese, 1.152, che hanno usufruito di questo servizio rivolto alle pmi innovative. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who