Responsabilità editoriale di Brown Editore

Case: i prezzi dell'usato proseguono la discesa, con alcune eccezioni

Il mercato immobiliare italiano continua ad arrancare, soprattutto per quanto riguarda l'usato. Nel terzo ...

Brown Editore

Il mercato immobiliare italiano continua ad arrancare, soprattutto per quanto riguarda l'usato. Nel terzo trimestre dell'anno i prezzi delle case non nuove hanno registrato una flessione dell'1,6%, attestandosi a una media di 1708 euro/mq, secondo quanto rilevato da Idealista. La tendenza annua resta in rosso, con un calo del 3,2%. "In Italia i prezzi delle case continuano a diminuire per effetto della stagnazione economica e delle prospettive incerte sul fronte dell'occupazione e dei salari, mentre cresce l'affitto per la necessità delle persone di adattarsi a nuovi stili di vita all'insegna della mobilità lavorativa e personale", ha spiegato Vincenzo De Tommaso, responsabile dell'ufficio studi idealista Italia. Debolezza con qualche eccezione L'ultimo trimestre ha visto cali in 13 regioni italiane su 20. Sono le Marche (-3,3%) a osservare il trend peggiore del trimestre, davanti a Lazio (-2,5%), Trentino-Alto Adige (-2,4%) e Piemonte (-2,1%). Tra le aree regionali in ripresa si segnalano invece Puglia e Friuli-Venezia Giulia, entrambe con un incremento pari al 2,1%, seguite dalla Valle d'Aosta che guadagna l'1,8%. La Liguria (2.487euro/mq) è la regione con i prezzi di richiesta più elevati davanti a Valle d'Aosta (2.469 euro/mq) e Trentino-Alto Adige con 2.336 euro al metro quadro, in un ranking che vede nella parte bassa della graduatoria Sicilia (1.074 euro/mq), Molise (935 euro/mq) e a chiudere la Calabria con 914 euro. Tra i grandi mercati Milano (2,2%) continua la sua crescita vigorosa, Bologna (0,1%) tiene, mentre Firenze (-0,6%) segna una battuta d'arresto dopo una serie di rialzi. Continuano a scendere i prezzi a Roma (-1%), Napoli (-1,1%) e Torino (-1,3%), Palermo (-1,9%) e Catania (- 1,8%).

Video Economia


Vai al sito: Who's Who