Responsabilità editoriale di Brown Editore

Lavoro: alle imprese piacciono sempre più gli over 50

L'esperienza conta, e paga. Lo dicono gli ultimi dati Istat relativi agli occupati e disoccupati italiani: ad ...

Brown Editore

L'esperienza conta, e paga. Lo dicono gli ultimi dati Istat relativi agli occupati e disoccupati italiani: ad aprile la crescita dell'occupazione si è concentrata nei più giovani (15-24enni) e negli over 50. "Ci sono molte, moltissime offerte per le quali avere più di 40 o 50 anni rappresenta un innegabile vantaggio - spiega Carola Adami, amministratore delegato e fondatore dell'agenzia di head hunting di Milano Adami & Associati - in quanto le aziende, oltre a cercare giovani talenti in grado di favorire l'innovazione, hanno un sempre maggiore bisogno di solidi know how, per rendere effettiva la crescita aziendale in tempi rapidi". Insomma, se la generazione dei Millenials è chiamata in causa per alimentare la rivoluzione digitale delle imprese italiane, i neoassunti over 50 portano invece con sè l'esperienza necessaria per trasformare l'innovazione in business. La ricerca di figure senior coinvolge imprese di qualsiasi settore, ma certamente si è fatta via via più presente nel retail e nel manifatturiero. In continuo aumento le ricerche di profili con 10 e 15 anni di esperienza, alzando l'asticella dell'età per molte e diverse posizioni lavorative. Si parla infatti di manager HR, di responsabili delle vendite, di export manager, di direttori commerciali, di capi progetto e via dicendo, tutte figure che richiedono un lungo e importante trascorso professionale. Al di là del peso dell'esperienza, c'è probabilmente lo zampino virtuoso degli incentivi destinati alle aziende che assumono dei disoccupati ultracinquantenni. Nello specifico, si tratta di importanti sgravi fiscali riconosciuti a tutte le aziende che selezionano dei lavoratori over 50 anni disoccupati da almeno un anno, e come tali registrati un centro di impiego. Va sottolineato, tra l'altro, che gli incentivi vengono riconosciuti sia per le assunzioni a contratto indeterminato che per quelle a contratto determinato. Nel primo caso si parla di un taglio del 50% dei contributi Inps.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who