Responsabilità editoriale di Brown Editore

Lavoro: competenze digitali richieste anche nelle professioni tradizionali

Non si scappa alla tecnologia. Gli effetti della digitalizzazione vanno ben oltre la creazione di nuove ...

Brown Editore

Non si scappa alla tecnologia. Gli effetti della digitalizzazione vanno ben oltre la creazione di nuove professioni: il peso delle competenze digitali cresce in tutte le aree aziendali di tutti i settori per comunicare, vendere, produrre, amministrare, gestire il personale, e così via. E' ciò che emerge dalla quarta edizione dell'Osservatorio delle Competenze Digitali. È nell'Industria che il fenomeno è più evidente. Il peso delle competenze digitali va dal 20% medio per le professioni di Supporto e Management al 17% medio per le figure Core, con punte più elevate nella produzione, progettazione, ricerca e sviluppo, nel marketing e nella gestione delle risorse umane. Un andamento simile, seppure meno marcato, è nei settori dei Servizi e del Commercio. In particolare, nei Servizi il digitale ha un peso che va dal 14% per le figure di Supporto e Management al 13% per le figure professionali Core. Nel Commercio, l'indicatore presenta valori medi del 13% per le figure di Supporto a Management e del 12% per quelle Core. Al di là dei numeri, ciò che emerge è che il digitale diventa componente indispensabile e sempre più importante in tutti i mestieri, nuovi e di sempre. Big data Expert, It security specialist, Blockchain expert, Network system engineer, sono i nuovi professionisti più ricercati dalle aziende italiane. Si tratta perlopiù di professionalità appena nate, che le imprese italiane, per ora, faticano a individuare. Ma non si tratta solo della selezione di nuovo personale. La sfida è soddisfarne la domanda che arriva dal mercato, sia rinnovando i percorsi scolastici ed universitari, sia riconvertendo gli skill di chi già lavora a tutti i livelli.

Video Economia



Vai al sito: Who's Who