Responsabilità editoriale di Brown Editore

Mattone tricolore ancora in affanno, prezzi case in calo soprattutto in Lombardia

Si chiude un anno contraddistinto nuovamente da prezzi immobiliari in calo. Nel corso del 2017 i prezzi delle case ...

Brown Editore

Si chiude un anno contraddistinto nuovamente da prezzi immobiliari in calo. Nel corso del 2017 i prezzi delle case di seconda mano in Italia, stando a quanto riferito dal'ufficio studi di Idealista, segnano un decremento del 4%, per un valore medio di 1.819 euro al metro quadro. Nell'ultimo trimestre però le quotazioni sono rimaste pressoché invariate. "Il trend negativo dei prezzi delle case iniziato nel 2007 è proseguito anche quest'anno - rimarca Vincenzo De Tommaso, responsabile dell'ufficio studi di idealista - il mercato risente ancora dell'eccesso di offerta di immobili con caratteristiche di prezzo, qualità e localizzazione non richieste dal mercato. Nonostante questo, la vivacità della domanda privata, sostenuta dal mercato dei mutui, si estende a macchia di leopardo, concentrandosi nelle aree di maggior pregio delle grandi città e nei centri dove la qualità della vita è migliore. Nel 2018 ci aspettiamo una ripresa via via più uniforme con moderata crescita dei prezzi nelle città medie e in quelle metropolitane con una generale tendenza verso la stabilizzazione dei valori". Il trend negativo delle quotazioni immobiliari investe tutte le regioni italiane ad eccezione del Trentino Alto Adige (0,7%). La performance peggiore su base annua spetta alla Lombardia (-7,1%), seguita da Piemonte (-6,4%) e Sicilia (-5,6%). Ribassi superiori alla media del periodo per Marche (-4,7%), Campania (-4,5%) e Toscana (4,1%). A livello di valori nominali la Liguria si conferma la macroarea con i prezzi più elevati, a una media di 2.614 euro al metro quadro, seguita da Valle d'Aosta (2.461 euro/m²) e Lazio (2.444 euro/m²). La regione più economica è la Calabria, con 902 euro al metro quadro, davanti a Molise (1.018 euro/m²) e Sicilia (1.141 euro/m²).

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who