Responsabilità editoriale di Brown Editore

Barometro Crif: prestiti alle famiglie ancora in crescita nel terzo trimestre

Continua a salire la richiesta di prestiti da parte degli italiani. Secondo quanto emerge dall'ultimo barometro ...

Brown Editore

Continua a salire la richiesta di prestiti da parte degli italiani. Secondo quanto emerge dall'ultimo barometro Crif relativo le richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane, nel terzo trimestre dell'anno la crescita è stata pari al 3,9% rispetto al corrispondente periodo del 2016, grazie soprattutto al contributo dei prestiti personali. Positivo anche il mese di settembre che ha visto un incremento del 3,4% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Tra le tendenze evidenziate nel terzo trimestre è stata inoltre registrata una significativa crescita del valore medio richiesto per i prestiti da parte delle famiglie italiane, che è risultato in aumento dell'8,6% rispetto al 2016, trainato in questo caso dall'andamento dei prestiti finalizzati (+12,4%). "Il mercato del credito alle famiglie si conferma molto vivace: le richieste di finanziamento sono in crescita ormai da quasi 3 anni e anche il terzo trimestre dell'anno fa segnare una performance positiva, in particolare per la componente di prestiti personali", commenta Simone Capecchi, executive director di Crif. "Sul fronte dell'offerta da parte delle aziende di credito - sottolinea Capecchi - è in atto una vera e propria rivoluzione tecnologica che sta avendo impatti significativi sui processi di selezione del mercato e di acquisizione della clientela. Al contempo, gli istituti stanno investendo per rimanere a contatto con la propria clientela anche attraverso nuovi canali e nuove modalità: l'ingente patrimonio informativo che è possibile raccogliere e analizzare grazie alle nuove tecnologie, consente ora di sviluppare azioni specifiche peri stimolare nuove fasce di consumatori nella pianificazione delle proprie spese con il sostegno di un finanziamento rateale, offrendo una migliore customer experience".



Vai al sito: Who's Who