Banche: Abi, sempre più digital, +71% operazioni da mobile

L'utilizzo si rafforza nel 2018, bonifici al top (+131%)

(ANSA) - ROMA, 31 AGO - Banche e clienti sempre più orientati sul digital banking. L'uso dei canali digitali si rafforza, tanto che nel 2018 le operazioni dispositive da mobile segnano un aumento del 71%: tra queste, i bonifici ed i giroconti sono in crescita del 131%, i servizi di pagamento diretti tra persone (P2P) aumentano del 72%, la ricarica della carta prepagata mette a segno un +69%. E' quanto emerge da un'indagine su un campione di banche contenuta nell'ottavo Rapporto annuale realizzato da Abi Lab, il Consorzio per la ricerca e l'innovazione per la banca promosso dall'Abi, che fa il punto sullo sviluppo e sulle potenzialità della Banca digitale. Il numero di operazioni dispositive da pc rimane più del doppio rispetto a quelle effettuate via smartphone, ma i tassi di crescita annui sono mediamente molto più contenuti (+2% sui bonifici/giroconti, e in diminuzione su altre operazioni come ad esempio le ricariche di carta prepagata o cellulare). Secondo lo studio Abi Lab, tutte le banche 'osservate' offrono servizi tramite internet banking e applicazioni (app) per smartphone, con sistemi operativi Ios e Android, il 70% offre app anche sui tablet e il 50% su smartwatch (gli orologi in grado di connettersi e interagire con persone o oggetti anche attraverso la rete Internet). Più ridotta la percentuale di banche che offrono app anche per i dispositivi con il sistema operativo Windows (33% per smartphone e 23% per tablet). Mediamente ogni banca/ gruppo bancario offre quasi 3 app. La forte attenzione del mondo bancario per internet e mobile banking, viene sottolineato, trova conferma anche nelle previsioni di spesa per il 2019. Infatti, l'indagine sottolinea che il 78% delle banche ha segnalato un aumento o un forte aumento degli investimenti sul mobile; anche l'internet banking vede metà del campione aumentare lo sforzo economico.(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video Economia


Vai al sito: Who's Who