COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale di Business Wire

Janssen presenta i risultati iniziali della terapia CAR_T JNJ-4528 mirata a BCMA, che ha dimostrato di generare risposte precoci, profonde ed elevate nel trattamento del mieloma multiplo recidivante o refrattario

I risultati dello studio di fase 1b/2 CARTITUDE-1 saranno illustrati in anteprima nel corso di una presentazione orale al congresso annuale dell'American Society of Hematology (abstract n. 577)

Business Wire

Le società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson oggi hanno annunciato i primi risultati dello studio di fase 1b/2 CARTITUDE-1 (NCT03548207) per la valutazione dell'efficacia e della sicurezza di JNJ-68284528 (JNJ-4528), una terapia sperimentale a base di cellule T con recettore chimerico di antigene (CAR-T) diretta all'antigene di maturazione delle cellule B (BCMA) in fase di valutazione per il trattamento dei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. Per lo studio sono stati arruolati pazienti già sottoposti ad almeno tre precedenti linee terapeutiche o doppiamente refrattari a un inibitore del proteasoma (PI) e a un farmaco immunomodulatore (IMiD), e già trattati con un PI, un IMiD e un anticorpo anti-CD38. I risultati dello studio CARTITUDE-1 sono stati illustrati in anteprima al congresso annuale dell'American Society of Hematology (ASH) nel corso di una presentazione orale, e sono stati evidenziati nel programma ufficiale di comunicazioni alla stampa dell'ASH (abstract n. 577).1

I risultati della parte di fase 1b dello studio CARTITUDE-1 hanno dimostrato risposte precoci e approfondite tra i pazienti (n=29) con una mediana di cinque regimi precedenti di trattamento del mieloma multiplo (intervallo: 3-18) trattati con JNJ-4528 (dose mediana somministrata: 0,73x106 cellule T vitali CAR+/kg).1 Il 100% dei pazienti ha ottenuto una risposta a un follow-up mediano di sei mesi.1 L'86% dei pazienti era 'triplo-refrattario' a un PI, a un IMiD e a un anticorpo anti-CD38; il 72% era penta-esposto e il 31% era penta-refrattario.1 Il tasso di risposta globale (ORR) ha incluso il 69% dei pazienti con risposta completa (CR) o migliore (il 66% con CR marcata); l'86% dei pazienti ha ottenuto una risposta parziale molto buona (VGPR) o migliore; e il 14% dei pazienti ha ottenuto una risposta parziale (PR). Tutti e 15 i pazienti su un totale di 29 (valutabili al 100%), inoltre, con un livello di sensibilità di 10-5, risultavano MRD negativi all'ultimo campione disponibile.1 Al follow-up mediano di sei mesi, 27 pazienti su 29 risultavano liberi da progressione. Sulla base dei risultati della fase 1b, è stata confermata una dose raccomandata di fase 2 pari a 0,75x106 di cellule T vitali CAR+/kg.1

"Questi risultati iniziali della parte di fase 1b dello studio CARTITUDE-1 evidenziano un profilo clinico interessante per JNJ-4528 nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario pesantemente pretrattati", ha dichiarato il Dott. Deepu Madduri, professore assistente di Medicina, Ematologia e Oncologia medica presso il Tisch Cancer Institute del Mount Sinai, New York, nonché ricercatore principale dello studio. "Con il completamento dell'espansione della coorte di pazienti arruolati e dosati per CARTITUDE-1, puntiamo a ottenere ulteriori dati su efficacia e sicurezza per definire ulteriormente il profilo di questa terapia CAR-T mirata a BCMA".

Il Dott. Patrick Laroche, responsabile dell'area terapeutica ematologica di Janssen-Cilag per l'Europa, il Medio Oriente e l'Africa (EMEA), ha dichiarato: "Janssen da tempo si impegna per migliorare i risultati nell'ambito del mieloma multiplo, e i pazienti recidivi o refrattari continuano a registrare una necessità urgente di nuove opzioni terapeutiche. Siamo estremamente soddisfatti di poter esplorare ulteriormente il potenziale di JNJ-4528 e di mettere a frutto i primi dati promettenti registrati in CARTITUDE-1".

Gli eventi avversi (EA) più comuni osservati nello studio CARTITUDE-1 sono stati: sindrome da rilascio di citochine (CRS) (93%); neutropenia (93%); anemia (86%) e trombocitopenia (86%).1 Nei pazienti con eventi avversi di grado 3 e superiori (25%), gli EA più comuni sono stati: neutropenia (93%); trombocitopenia (69%) e anemia (55%).1 La maggior parte dei pazienti (86%) ha manifestato CRS di grado 1-2. Un paziente ha manifestato CRS di grado 3 e un altro paziente è deceduto per complicanze da CRS nel giorno 99.1 L'inizio mediano della CRS era generalmente prevedibile a sette giorni (intervallo: 2-12) dopo l'infusione, con una durata mediana di quattro giorni (intervallo: 1-60).1

"La risposta globale ottenuta nei pazienti trattati con JNJ-4528 è incoraggiante; si tratta di risultati che si basano sui dati dello studio LEGEND-2 su pazienti cinesi e che ora si presentano come promettenti per i pazienti statunitensi", ha dichiarato il Dott. Sen Zhuang, Ph.D., vicepresidente dello sviluppo clinico oncologico presso Janssen Research & Development, LLC. "Siamo impegnati a far progredire questa nuova terapia CAR-T mirata a BCMA per tutta la fase di sviluppo clinico e a portare questa immunoterapia a disposizione dei pazienti che necessitano tuttora di terapie efficaci per il rapido controllo della malattia".

JNJ-4528 è una terapia CAR-T strutturalmente differenziata con due anticorpi a dominio singolo mirati a BCMA.2 LCAR-B38M identifica il prodotto sperimentale in Cina, sponsorizzato dal partner di Janssen per lo sviluppo, Legend Biotech. JNJ-4528 identifica il prodotto sperimentale con la stessa struttura CAR in corso di studio negli Stati Uniti e in Europa.

I risultati di sicurezza ed efficacia osservati nello studio CARTITUDE-1 erano coerenti con lo studio LEGEND-2 su LCAR-B38M, sponsorizzato da Legend Biotech. Nei dati di follow-up dello studio LEGEND-2 presentato al congresso dell'ASH (abstract n. 579), i ricercatori hanno illustrato la risposta e il profilo di sicurezza a lungo termine di LCAR-B38M.3 Sono stati osservati tassi di risposta complessivi dell'88%, con il 46% di tutti i pazienti trattati e il 64% dei pazienti CR MRD-negativi che non hanno mostrato progressione.3 La sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana per tutti i pazienti trattati è stata di 20 mesi (intervallo: 10-28); la PFS mediana per i pazienti CR MRD-negativi era di 28 mesi (intervallo: 20-31).3

Saranno illustrati in una presentazione orale a parte (abstract n. 928) i dati che evidenziano la proliferazione post-infusione delle cellule CAR+ T nel midollo osseo e nel sangue dei pazienti arruolati nello studio CARTITUDE-1. Mentre entrambe le cellule T CAR+ CD4+ e CD8+ si è registrata una proliferazione in vivo, una proliferazione preferenziale delle 'cellule CAR+ T della memoria' CD8+ è stata osservata nell'espansione di picco.4 Questi e altri studi correlativi, effettuati per comprendere meglio i meccanismi immunitari associati alla risposta a JNJ-4528, suggeriscono che l'elevata attività anti-mieloma di JNJ-4528 osservata a una dose di cellule T relativamente contenuta sia potenzialmente correlata a questa proliferazione preferenziale e consistente delle cellule T CAR+ CD8+ in vivo.4

#FINE#

Informazioni su CARTITUDE-1

CARTITUDE-1 (NCT03548207) è uno studio di fase 1b/2 multicentrico, in aperto, in corso di svolgimento, che valuta la sicurezza e l'efficacia di JNJ-68284528 (JNJ-4528) negli adulti con mieloma multiplo recidivante o refrattario già sottoposti ad almeno tre linee terapeutiche precedenti o doppiamente refrattari a un inibitore del proteasoma (PI) e a un farmaco immunomodulatore (IMiD), oltre ad aver ricevuto un PI, un IMiD e un anticorpo anti-CD38.1 Obiettivo primario della fase 1b dello studio è caratterizzare la sicurezza e confermare la dose di JNJ-68284528 (JNJ-4528), basata sul primo studio sull'uomo con cellule CAR-T LCAR-B38M (LEGEND-2). Obiettivo primario della fase 2 dello studio è valutare l'efficacia di JNJ-68284528 (endpoint primario: tasso di risposta globale in base alla definizione dei criteri di risposta dell' International Myeloma Working Group).5

Informazioni su LEGEND-2

LEGEND-2 (NCT03090659) è uno studio di fase 1, a braccio singolo e in aperto, attualmente in corso di svolgimento in Cina, che include quattro studi istituzionali indipendenti effettuati presso alcuni ospedali partecipanti, per la valutazione dell'efficacia e della sicurezza di LCAR-B38M nel trattamento dei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.6

Informazioni su JNJ-68284528 (LCAR-B38M)

JNJ-68284528 (LCAR-B38M) è una terapia basata sulle cellule T recettori dell'antigene chimerico sperimentale (CAR-T) per il trattamento di pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. Il disegno comprende un CAR-T strutturalmente differenziato con due anticorpi a dominio singolo mirati a BCMA. Nel dicembre 2017, Janssen ha stipulato un accordo mondiale esclusivo di licenza e collaborazione con Legend, per sviluppare e commercializzare JNJ-68284528/LCAR-B38M. Nel maggio 2018, Janssen ha avviato uno studio di Fase 1b/2 (NCT03548207) per valutare l'efficacia e la sicurezza di JNJ-68284528 negli adulti con mieloma multiplo recidivante/refrattario, sulla base dei risultati dello studio LEGEND-2.5,7

Nel mese di aprile 2019, JNJ-68284528 ha ottenuto la designazione PRIME (PRIority MEdicines) da parte dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA).8 La designazione PRIME offre un'interazione avanzata e un dialogo precoce per ottimizzare i programmi di sviluppo e velocizzare la valutazione di avanzati progressi scientifici mirati a forti esigenze mediche non soddisfatte.9

Informazioni sulle cellule CAR-T e sulla proteina BCMA

Le cellule CAR-T rappresentano un approccio innovativo all'eliminazione delle cellule tumorali tramite lo sfruttamento delle potenti capacità del sistema immunitario del paziente.10 La BCMA è una proteina con espressione elevata sulla superficie delle cellule del mieloma.11 Mirando alla BCMA tramite questo approccio, le terapie CAR-T possono presentare il potenziale per ridefinire il paradigma di trattamento del mieloma multiplo e per un potenziale avvicinamento alle cure per i pazienti colpiti da questa patologia.

Informazioni sul mieloma multiplo

Il mieloma multiplo (MM) è un tumore incurabile del sangue che ha origine nel midollo osseo ed è caratterizzato da un'eccessiva proliferazione delle plasmacellule.12 In Europa il mieloma multiplo è stato diagnosticato a oltre 48.200 persone nel 2018, e più di 30.800 pazienti sono deceduti.13 Approssimativamente il 60% dei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non presenta una sopravvivenza di cinque anni,14 e quasi il 29% dei pazienti MM muore entro un anno dalla diagnosi.15

Anche se il trattamento può portare alla remissione della malattia, sfortunatamente per i pazienti vi sono alte possibilità di ricaduta perché attualmente non esiste una cura.16 Nel mieloma multiplo refrattario la patologia progredisce entro 60 giorni dall'ultima terapia somministrata ai pazienti.17 Il tumore viene definito come recidivante quando si ripresenta dopo un periodo di remissione iniziale, parziale o completa.18 Mentre in alcuni casi il mieloma multiplo è totalmente asintomatico, in altri casi viene diagnosticato a causa di sintomi quali problemi alle ossa, emocromo basso, ipercalcemia, insufficienza renale o infezioni.19 I pazienti che recidivano dopo il trattamento con le terapie standard, come inibitori del proteasoma e agenti immunomodulanti, hanno prognosi infausta e richiedono nuove terapie per il controllo continuativo della patologia.20

Informazioni sulle case farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson

Janssen è impegnata a creare un futuro in cui le malattie sono un ricordo del passato. Siamo le società farmaceutiche di Johnson & Johnson e lavoriamo instancabilmente per trasformare in realtà questo futuro per i pazienti di tutto il mondo, lottando contro le malattie con la scienza, migliorando l'accesso ai trattamenti con l'ingegnosità e curando la mancanza di speranza con tanta passione. Ci concentriamo sulle aree mediche in cui maggiormente possiamo fare la differenza: patologie cardiovascolari e metaboliche, immunologia, malattie infettive e vaccini, neuroscienza, oncologia e ipertensione polmonare. Per ulteriori informazioni consultare la pagina www.janssen.com/emea. Per essere sempre informati sulle notizie più recenti seguire l'azienda su www.twitter.com/janssenEMEA.

Cilag GmbH International; Janssen Biotech, Inc.; Janssen Oncology, Inc. e Janssen-Cilag International NV fanno parte delle aziende Janssen Pharmaceutical Companies di Johnson & Johnson.

# # #

Avvertenze sulle dichiarazioni a carattere previsionale

Questo comunicato stampa contiene "dichiarazioni a carattere previsionale" in base alla definizione del Private Securities Litigation Reform Act del 1995 riguardante lo sviluppo del prodotto e i potenziali benefici e l'impatto del trattamento con LCAR-B38M e JNJ-68284528. Si avvisano i lettori di non fare affidamento su queste dichiarazioni a carattere previsionale, che si basano sulle aspettative correnti di eventi futuri. Se le ipotesi di fondo dovessero rivelarsi imprecise, o si verificassero incertezze o rischi noti o sconosciuti, i risultati effettivi potrebbero differire materialmente dalle aspettative e previsioni di Janssen Pharmaceutical Companies e/o Johnson & Johnson. Tali rischi e incertezze includono, ma non a titolo esaustivo: difficoltà e incertezze insite nella ricerca e nello sviluppo del prodotto, compresa l'incertezza del successo clinico e dell'ottenimento delle approvazioni normative; incertezza del successo commerciale; difficoltà e ritardi nella produzione; concorrenza, inclusi i progressi tecnologici, nuovi prodotti e brevetti ottenuti dai competitor; difficoltà relative ai brevetti; problemi nell'efficacia o nella sicurezza dei prodotti, con conseguente ritiro degli stessi o con azioni normative; cambiamenti nei modelli di comportamento e di spesa degli acquirenti dei prodotti e dei servizi di assistenza sanitaria; modifiche alle leggi e ai regolamenti in materia, comprese le riforme sanitarie mondiali e, infine, le tendenze verso il contenimento dei costi per l'assistenza sanitaria. Un ulteriore elenco con le descrizioni di tali rischi, incertezze e altri fattori è consultabile nella relazione annuale di Johnson & Johnson presentata sul modulo 10-K per l'anno fiscale concluso il 30 dicembre 2018, incluso quanto riportato nella sezione "Cautionary Note Regarding Forward-Looking Statements" (Nota cautelare sulle dichiarazioni a carattere previsionale) e nella sezione "Item 1A. Risk Factors" (Voce 1A. Fattori di rischio), oltre che nei documenti successivamente registrati dall'azienda sul modulo 10-Q, e altri ancora, depositati presso la Securities and Exchange Commission. Le copie di tali documenti sono disponibili online sui siti www.sec.gov e www.jnj.com oppure facendone richiesta a Johnson & Johnson. Nessuna delle società farmaceutiche Janssen di Johnson & Johnson né Johnson & Johnson si impegna ad aggiornare alcuna dichiarazione a carattere previsionale a seguito di nuove informazioni, eventi o sviluppi futuri.

###

Riferimenti

1 Madduri D, Usmani D, Jagannath S, et al., Results from CARTITUDE-1: A Phase 1b/2 Study of JNJ-4528, a CAR-T Cell Therapy Directed Against B-Cell Maturation Antigen (BCMA), in Patients with Relapsed and/or Refractory Multiple Myeloma (R/R MM). Congresso annuale 2019 dell'ASH. Dicembre 2019. Abstract n. 577

2 Fan F, Zhuang Q, Yang L, et al., Preclinical assessment of LCAR-B38M, a novel BCMA-targeting chimeric antigen receptor (CAR)-T cell therapy in relapsed/refractory multiple myeloma 2019 17th International Myeloma Workshop. Settembre 2019. Abstract FP-182, n. 413.

3 Wang BY, Zhao WH, Liu J, et al., Long-term follow-up of a Phase 1, first-in-human open-label study of LCAR-B38M, a structurally differentiated CAR-T cell therapy targeting BCMA, in patients with RRMM. Congresso annuale 2019 dell'ASH. Dicembre 2019. Abstract n. 579

4 Zudaire E, Madduri D, Usmani S, et al., Translational Analysis from CARTITUDE-1, an Ongoing Phase 1b/2 Study of JNJ-4528 BCMA-targeted CAR-T Cell Therapy in Relapsed and/or Refractory Multiple Myeloma (R/R MM), Indicates Preferential Expansion of CD8+ T Cell Central Memory Cell Subset. Congresso annuale 2019 dell'ASH. Dicembre 2019. Abstract n. 928

5 ClinicalTrials.gov. A Study of JNJ-68284528, a Chimeric Antigen Receptor T Cell (CAR-T) Therapy Directed Against B-Cell Maturation Antigen (BCMA) in Participants With Relapsed or Refractory Multiple Myeloma (CARTITUDE-1). Disponibile alla pagina: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03548207. Ultimo accesso: dicembre 2019

6 ClinicalTrials.gov. LCAR-B38M-02 Cells in Treating Relapsed/Refractory (R/R) Multiple Myeloma (LEGEND-2). Disponibile alla pagina: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03090659. Ultimo accesso: dicembre 2019

7 Xu J, Chen LJ, Yang SS, Sun Y, Wu W, Liu YF, Xu J, Zhuang Y, Zhang W, Weng XQ, Wu J. Exploratory trial of a biepitopic CAR T-targeting B cell maturation antigen in relapsed/refractory multiple myeloma. Proceedings of the National Academy of Sciences. 7 maggio 2019;116(19):9543-51.

8 JnJ.com. Janssen Announces Investigational CAR-T Therapy JNJ-68284528 Granted PRIME Designation by the European Medicines Agency. Disponibile alla pagina: https://www.jnj.com/janssen-announces-investigational-car-t-therapy-jnj-68284528-granted-prime-designation-by-the-european-medicines-agency. Ultimo accesso: dicembre 2019

9 Agenzia europea per i medicinali. PRIME Factsheet. Disponibile alla pagina https://www.ema.europa.eu/en/human-regulatory/research-development/prime-priority-medicines Ultimo accesso: dicembre 2019

10 Hay A, Cheung M. CAR T-cells: costs, comparisons, and commentary. J Med Econ. 2019: 22(7): 613-615, DOI: 10.1080/13696998.2019.1582059

11 Cho SF, Anderson KC, Tai YT. Targeting B-cell maturation antigen (BCMA) in multiple myeloma: potential uses of BCMA-based immunotherapy. Front Immunol. 2018;9:18-21.

12 American Society of Clinical Oncology. Multiple myeloma: introduction. Disponibile alla pagina: https://www.cancer.net/cancer-types/multiple-myeloma/introduction Ultimo accesso: dicembre 2019.

13 GLOBOCAN 2018. Cancer Today Population Factsheets: Europe Region. Disponibile alla pagina: https://gco.iarc.fr/today/data/factsheets/populations/908-europe-fact-sheets.pdf. Ultimo accesso: dicembre 2019.

14 De Angelis R, Minicozzi P, Sant M, et al. Survival variations by country and age for lymphoid and myeloid malignancies in Europe 2000-2007: results of EUROCARE-5 population-based study. Eur J Cancer. 2015;51:2254-68.

15 Costa LJ, Gonsalves WI, Kumar SK. Early mortality in multiple myeloma. Leukemia. 2015;29:1616-8.

16 Abdi J, Chen G, Chang H, et al. Drug resistance in multiple myeloma: latest findings and new concepts on molecular mechanisms. Oncotarget. 2013;4:2186–2207.

17 Richardson P, Mitsiades C, Schlossman R, et al. The treatment of relapsed and refractory multiple myeloma. Hematology Am Soc Hematol Educ Program. 2007:317-23.

18 National Cancer Institute. NCI dictionary of cancer terms: relapsed. Disponbile alla pagina: https://www.cancer.gov/publications/dictionaries/cancer-terms?CdrID=45866. Ultimo accesso: dicembre 2019.

19 American Cancer Society. Multiple myeloma: early detection, diagnosis and staging. Disponibile alla pagina:https://www.cancer.org/content/dam/CRC/PDF/Public/8740.00.pdf. Ultimo accesso: dicembre 2019.

20 Kumar SK, Lee JH, Lahuerta JJ, et al., Risk of progression and survival in multiple myeloma relapsing after therapy with IMiDs and bortezomib: a multicenter international myeloma working group study. Leukemia. 2012;26:149-57.

CP-128935
Dicembre 2019

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Domande dei media:
Noah Reymond
Cell.: +31 621 38 5718
Email: NReymond@its.jnj.com

Rapporti con gli investitori:
Christopher DelOrefice
Tel.: +1 732-524-2955
Lesley Fishman
Tel.: +1 732-524-3922

Permalink: http://www.businesswire.com/news/home/20191209005349/it

Video Economia

Ultima ora



Vai al sito: Who's Who