COMUNICATO STAMPA - Responsabilità editoriale di Business Wire

La Brightline Initiative e Duke Corporate Education collaborano per promuovere l'esecuzione strategica orientata alle persone

Business Wire

La Brightline™ Initiative ha annunciato una nuova collaborazione mirata alla ricerca con Duke Corporate Education (Duke CE), parte della Duke University e importante fornitore globale di sviluppo della leadership.

questo comunicato stampa include contenuti multimediali. Visualizzare l’intero comunicato qui: https://www.businesswire.com/news/home/20190423005939/it/

I due partner esamineranno le direttive, le pratiche e i principi strategici richiesti per sfruttare la più importante fonte di vantaggio competitivo dell'azienda, cioè i collaboratori, per colmare il costoso e inutile divario tra la concezione e l'attuazione delle strategie.

Il Prof. Tony O'Driscoll della Fuqua School of Business della Duke University, nonché ricercatore associato presso Duke CE, dirigerà questo progetto di ricerca con il team Brightline.

"Sono molto grato a Brightline per averci fornito l'occasione di dedicare tempo e attenzione alla comprensione di ciò che le organizzazioni devono fare maggiormente, meglio e diversamente, per colmare il crescente divario tra la pianificazione e la messa in pratica delle strategie", ha spiegato il Prof. O'Driscoll.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

Brightline Initiative
Dr. Edivandro Carlos Conforto
Responsabile della ricerca strategica
edivandro.conforto@brightline.org

Duke Corporate Education
Christine Robers
Responsabile marketing
christine.robers@dukece.com

Professor Tony O'Driscoll
Ricercatore associato, Duke Corporate Education
to15@duke.edu

Permalink: http://www.businesswire.com/news/home/20190423005939/it

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia


Vai al sito: Who's Who