Antitrust multa Eni per campagna diesel

"Infondati" i vanti ambientali

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato una sanzione di 5 milioni di euro ad Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+ "attribuendo al prodotto nel suo complesso vanti ambientali che non sono risultati fondati". E' quanto si legge in una nota dell'Antitrust.

Nel corso del procedimento, precisa comunque l'Autorità, la società Eni ha avviato l'interruzione della suddetta campagna stampa e si è impegnata a non utilizzare più, con riferimento a carburanti per autotrazione, la parola "green".

"Eni ha appreso con grande sorpresa la decisione dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di considerare 'ingannevoli' i claim ambientali e alcune descrizioni prestazionali contenuti nei messaggi pubblicitari relativi al carburante Eni Diesel+ e conseguentemente di sanzionare la società". Lo si legge in una nota dell'Eni, che fa sapere di riservarsi "di valutare le motivazioni del provvedimento ai fini della sua impugnativa al Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia



      Vai al sito: Who's Who