Ilva, Bondi e Gnudi a giudizio per la gestione dei rifiuti

E per getto pericoloso di cose. I fatti contestati risalgono fino al 1 agosto 2015

I pm Remo Epifani, Raffaele Graziano e Mariano Buccoliero hanno citato a giudizio per il 4 dicembre prossimo, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Taranto, gli ex commissari straordinari di Ilva Enrico Bondi e Piero Gnudi e i direttori di stabilimento pro tempore Antonio Lupoli e Ruggero Cola per getto pericoloso di cose e attività di gestione di rifiuti non autorizzata contestati fino all'1 agosto 2015.

Dopo due richieste di archiviazione, era stato il gip Vilma Gilli a disporre nuove indagini. Gli indagati, secondo l'accusa, nelle rispettive qualità e in concorso e accordo tra loro, omettendo nell'esercizio dell'attività produttiva dello stabilimento siderurgico Ilva sottoposto a commissariamento di adempiere alle prescrizioni Aia (rilasciata il 26 ottobre 2012) nonché alle prescrizioni del Piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria di cui al Dpcm del 14 marzo 2014. Per l'accusa, avrebbero così determinato "illecitamente - è detto nel capo d'imputazione - lo sversamento di una quantità imponente di emissioni diffuse e fuggitive, nocive in atmosfera, emissioni derivanti dall'area parchi, dall'area cokeria, dall'area agglomerato, dall'area altiforni, dall'area acciaieria, e dall'attività di smaltimento operata nell'area GRF, nonché dalle diverse torce dell'area acciaieria a mezzo delle quali (torce) smaltivano abusivamente una grande quantità di rifiuti gassosi".
    I pm hanno individuato la parte offesa nel Comune di Taranto (che segue gli sviluppi dell'inchiesta con l'avv. Rosario Orlando) e il Ministero dell'Ambiente. La citazione diretta a giudizio è stata notificata nei giorni scorsi.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who