Borsa: Europa migliora,ma resta in rosso

Tensioni su situazione Siria e accordo Brexit, male le banche

(ANSA) - MILANO, 14 OTT - Migliorano le principali Borse europee, ma restano tutte in rosso, con le tensioni per i raid turchi in Siria e quelle per le trattative sulla Brexit, con la Regina a ribadire nel suo discorso che il governo intende uscire dall'Ue entro il 31 ottobre, cercando comunque un accordo.
    La maglia nera resta a Parigi e Madrid (-0,7%), seguita da Francoforte e Londra (-0,6%), con Milano la migliore (-0,5%). In negativo anche i future Usa, che non sembrano risentire dell'ottimismo per un accordo parziale sui dazi con la Cina, come invece è accaduto per le Piazze asiatiche.
    Il greggio in calo (Wti -1,9%) continua a penalizzare i petroliferi, con forti perdite per Aker (-3,4%), Tenaris (-2,9%), Neste Oyj (-2,5%) e Equinor (-1,9%). Sale invece con le tensioni internazionali l'oro (+0,4%). Male anche le banche, a partire da Bank of Ireland (-2,9%) e Lloyds (-2,7%). Giù anche Fineco (-2,7%) e Unicredit (-1%), nonostante lo spread a 139.
    Pesanti anche i tecnologici: Infineon (-2,2%), Ams (-1,7%).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia


      Vai al sito: Who's Who