Trump attacca la Fed sul taglio dei tassi

"Il nostro problema non è la Cina. Il nostro problema è la Fed che è troppo orgogliosa di ammettere di aver agito troppo velocemente"

"Tre altre banche centrali hanno tagliato i tassi di interesse. Il nostro problema non è la Cina. Il nostro problema è la Fed che è troppo orgogliosa di ammettere di aver agito troppo velocemente": la Fed "deve tagliare i tassi molto e velocemente". Lo twitta Donald Trump, riferendosi ai tagli dei tassi effettuati dalle banche centrali di India, Thailandia a Nuova Zelanda.

 

In tre tweet infuocati Trump parla di "incompetenza" della Fed "soprattutto" quando le cose potrebbero essere risolte "velocemente e facilmente. Vinceremo lo stesso ma sarebbe più facile se la Fed capisse, e non lo fa, che competiamo con altri paesi, e tutti vogliono guadagnare a nostre spese". "Tre banche centrali hanno tagliato i tassi. Il nostro problema non è la Cina: siamo più forti che mai, la Cina sta perdendo migliaia di aziende e la sua valuta è sotto assedio. Il nostro problema è una Fed troppo orgogliosa per ammettere i suoi errori di aver agito troppo velocemente e troppo rapidamente, Dovrebbe tagliare i tassi molto e velocemente, e mettere fine al processo di riduzione di bilancio" afferma Trump. Il presidente americano si riferisce ai tagli dei tassi di interesse decisi dalla banche centrali di India, Thailandia e Nuova Zelanda. La banca centrale della Nuova Zelanda ha tagliato i tassi di 0,5 punti percentuali all'1% e ha segnalato di essere pronta a misure non convenzionali per sostenere la crescita in un contesto di deterioramento delle prospettive economiche globali. La banca centrale dell'India ha tagliato il costo del denaro di 0,35 punti base al 5,40%, in quella che è la quarta riduzione del costo del denaro dall'inizio dell'anno. La banca centrale della Thailandia ha tagliato i tassi all'1,50% dall'1,75%.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video Economia


        Vai al sito: Who's Who