Deutsche, parte maxi-ristrutturazione. Via a primi licenziamenti

Non ci sarà aumento capitale.2,8 mld perdite. Bad bank da 74 mld

Deutsche Bank ha già fatto partire i tagli occupazionali nell'area asiatica, da Sidney a Mumbai, all'indomani dell'annuncio del maxi piano di ristrutturazione che prevede l'eliminazione di 18.000 posti di lavoro entro il 2022 e una bad bank da 74 miliardi di euro.

Intanto il titolo, dopo un balzo in apertura, azzera il rialzo, e chiude con una perdita del 5,39% a 6,78 euro. Il titolo ha invertito la marcia rispetto all'avvio dopo le perplessità espresse dagli analisti finanziari sul piano di ristrutturazione. Poco dopo l'inizio della seduta il titolo ha sfiorato il 4% per poi invertire la rotta

Moody's conferma il rating A3 del colosso tedesco, definendo il maxi-riassetto "un positivo passo avanti" verso un modello operativo più sostenibile e bilanciato del gruppo. L'outlook resta tuttavia negativo a causa della significativa sfida che pone la sua attuazione in un contesto, per i prossimi anni, di tassi di interesse bassi o a zero. Il raggiungimento di una migliore redditività, nota Moody's, potrebbe materializzarsi solo dopo diversi trimestri se non anni.

MAXI RISTRUTTURAZIONE

Domenica al termine del board l'istituto ha annunciato una serie di misure di riduzione dei costi che passano anche per il taglio di un quarto dei dipendenti. Ridotte le attività Corporate e di investment banking, la banca uscirà dal Global equity.

Le perdite ammonteranno a 2,8 miliardi nel secondo trimestre e per l'intera operazione saliranno a 7,4 miliardi.

Il colosso tedesco non chiederà comunque un aumento di capitale ai propri soci per finanziare il piano, ma riduce, sentite le autorità di vigilanza, il livello minimo di patrimonio Cet1 al 12,5%.

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video Economia


      Vai al sito: Who's Who