Borsa: Europa fiacca con Cina e shutdown

Petrolio in calo, male i minerari e componenti auto con Halfords

(ANSA) - MILANO, 10 GEN - Borse europee in calo a metà mattina, con gli investitori che prendono una pausa dopo il rally di inizio anno, spinto dall'atteggiamento accomodante della Fed e dai progressi sui dazi tra Cina e Usa. Parigi cede lo 0,8%, Francoforte lo 0,6% e Londra lo 0,5% mentre Milano contiene il ribasso allo 0,3% con lo spread Btp-Bund che sale a 263 punti. I mercati, in attesa di risultati concreti dai negoziati commerciali, scontano lo stallo sullo shutdown Usa e i dati deboli sull'inflazione in Cina, che alimentano i timori sull'economia di Pechino. Ne fa le spese anche il petrolio, con il Wti che perde l'1,6% poco sopra i 51 dollari al barile mentre in Borsa soffrono i titoli minerari (-2,2% l'indice Stoxx), della difesa (-1,8%) e le auto (-1,1%), con la componentistica che accusa il profit warning di Halfords (-27% a Londra). Gli investitori attendono di leggere i verbali della Bce e di ascoltare il discorso che ha in programma il presidente della Fed, Jerome Powell, nel terdo pomeriggio.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who