• Manovra, Ue: 'Ci sono buoni progressi'. Conte: 'Ok reddito e pensioni'. Spread a 266 punti, minimi da settembre

Manovra, Ue: 'Ci sono buoni progressi'. Conte: 'Ok reddito e pensioni'. Spread a 266 punti, minimi da settembre

Moscovici gela Italia: 'Non paragonabili alla Francia'

Vanno via a piedi, alla spicciolata, al termine della cena, intorno alla mezzanotte. Sorrisi tesi e un silenzio per loro inusuale, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini lasciano il ristorante del centro di Roma qualche secondo prima del presidente del Consiglio Giuseppe Conte. E Salvini, il cappellino della protezione civile calcato sulla testa, rinvia al premier ogni domanda: "Parla Conte...". Non solo la trattativa con Bruxelles prosegue ancora, ma le modifiche alla manovra per far scendere il deficit dal 2,4% al 2,04% sono da mettere nero su bianco. Perciò Conte, accompagnato dai cronisti nel tragitto dal ristorante fino a Palazzo Chigi, distilla poche parole. E sui tempi per una eventuale intesa risponde soltanto "vediamo". A cena Conte - che è tornato a Roma proprio per proseguire il lavoro nel governo sulla manovra - aggiorna Di Maio, Salvini, Riccardo Fraccaro e Giancarlo Giorgetti, sul tavolo di confronto del pomeriggio con Jean Claude Juncker. "Non sono previste" questa mattina nuove riunioni a Palazzo Chigi, risponde Conte a chi lo interpella. E a Bruxelles, aggiunge, tornerà nel pomeriggio "per il Consiglio europeo", non per altro. Ma la partita non è affatto chiusa. Di Maio, intanto, non rompe il silenzio che ha tenuto dopo l'annuncio di Conte sul taglio del deficit. E Salvini, tornato a casa, si concede un selfie sui social con un messaggio ai suoi follower: "Un buon caffè e notte serena amici, vi voglio bene". Nessun accenno ad altro. La cena "è andata bene", assicura il premier. Clima tranquillo? "Sì certo", risponde. Prossimo passaggio? "Ci riposiamo un po'...". Ma su come proseguirà il lavoro per cambiare la legge di bilancio e provare a evitare la procedura d'infrazione, non aggiunge molto di più. Ai vertici di M5s e Lega ci sarebbe più di un timore su come saranno reperite le risorse per far calare il deficit, a partire dai tagli su quota 100 e reddito di cittadinanza. E ora sarà corsa contro il tempo per portare le modifiche in Parlamento e approvare la legge di bilancio prima di Natale: "Confidiamo di riuscire, così facciamo delle feste più contenti...", dichiara il premier. Ma l'intesa con Bruxelles non è chiusa, la partita è ancora lunga: eloquenti sono i silenzi.

"Buoni progressi" nell'incontro Juncker-Conte: la Commissione ora "valuterà la proposta ricevuta questo pomeriggio" dall'Italia. Lo fa sapere un portavoce della Commissione precisando che il lavoro proseguirà nei prossimi giorni.

Da 2,4 scesi a 2,04. Reddito e quota 100 restano, ha spiegato il premier. "Confidiamo di portare a casa una soluzione positiva" con l'Ue. "Reddito di cittadinanza e quota 100 partiranno nei tempi previsti". 

"Calerà il deficit strutturale" e la "crescita sarà superiore alle nostre attese", ha detto ancora il presidente del Consiglio al termine dell'incontro con Juncker. 

"La nostra proposta ci consente di dire che non tradiamo la fiducia degli italiani e che rispettiamo gli impegni presi con le misure che hanno maggiore impatto" come "quota 100 e reddito di cittadinanza". 

Soddisfatto dell'incontro Conte-Juncker il ministro del Tesoro, Giovanni Tria.

Lo spread tra Btp e Bund apre in calo a 266 punti contro i 272 della chiusura di ieri sera ai minimi da fine settembre. Il rendimento del titolo decennale italiano scende al 2,94%.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia


Vai al sito: Who's Who