Fitch taglia stime Pil 2018. Spread ai minimi da ottobre

Allarme Assolavoro: 'Da gennaio in 53mila a casa'

Segnali positivi sul fronte dei mercati. Lo spread tra Btp e Bund cala a 278 punti base per la prima volta dall'inizio di ottobre scorso. Il rendimento del titolo decennale italiano è al 3,05%, il livello più basso da fine luglio. In netta discesa anche il tasso del titolo a due anni scivolato fino a 0,558%, ai minimi dal 19 luglio.

Intanto, però, Fitch taglia le stime di crescita dell'Italia dall'1,2% all'1% nel 2018 e dall'1,2% all'1,1% nel 2019 a causa dell' "incertezza politica domestica" e dei "timori per il commercio globale".

Fitch, si legge nel Global Economic Outlook, nutre dubbi sul fatto che l'allentamento fiscale possa spingere il pil nel 2019, sia "per le incertezze sui dettagli dell'implementazione" che "per i probabili bassi impatti moltiplicatori di alcune misure".

L'Italia "non può attendere" la lenta transizione che nel 2019 porterà a un nuovo parlamento europeo, a una nuova Commissione e a un nuovo vertice della Bce "perché deve fronteggiare i rischi di una recessione" produttiva e quindi "il nostro dovere è agire", ha detto nel frattempo il ministro agli Affari europei Paolo Savona sottolineando "l'indubbia capacità dell'organizzazione europea di creare stabilità finanziaria e monetaria ma non di creare sviluppo".

Arriva inoltre un allarme sul fronte dell'occupazione: "Sono circa 53.000 le persone che dal primo gennaio 2019 non potranno essere riavviate al lavoro dalle Agenzie per il Lavoro perché raggiungeranno i 24 mesi di limite massimo per un impiego a tempo determinato. E' l'effetto della circolare del Ministero del 31 ottobre che ha considerato compresi nelle nuove misure anche i lavoratori con contratti stipulati prima dell'entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Dignità. Lo si legge in una nota di Assolavoro che parla di "stima prudenziale".

"Si tratta - si legge in una nota - di una stima prudenziale, approssimata per difetto, elaborata da Assolavoro, l'Associazione delle Agenzie per il Lavoro, con una proiezione sull'intero settore dei dati rilevati dagli operatori associati (circa l'85% del mercato)". Assolavoro evidenzia che "nonostante le ripetute manifestazioni di disponibilità non c'è stato ancora nessun riscontro in generale e in particolare sull'interpello relativo proprio alla circolare n.17 del 31 ottobre 2018". L'Associazione ribadisce la necessità di "correggere il tiro" a tutela dei lavoratori.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who