Borsa: Milano regina d'Europa dopo Bce

Effetto conti su Mediobanca, spread giù a 309, sprint Astaldi

(ANSA) - MILANO, 25 OTT - Piazza Affari si conferma regina d'Europa dopo la decisione della Bce di lasciare invariati i tassi, come peraltro previsto dal mercato. L'indice Ftse Mib sale dell'l'1,8%, distanziando gli altri listini, variabili tra la parità di Londra e il +1% di Parigi. Effetto conti su Mediobanca (+5%), maglia rosa del listino, seguita da Prysmian (+3,89%), Pirelli (+3,69%) e Brembo (+3,56%), sulla scia dello sprint di Peugeot (+7% a Parigi). Lo spread in calo a 309 punti favorisce Bper (+2,71%), Ubi Banca (+2,75%), Intesa (+2,76%) e Unicredit (+2,52%). Effetto conti anche su Moncler (+1,77%) e Technogym (+2,71%), mentre due nuove commesse negli Usa spingono Salini Impregilo (4,68%), che continua a studiare il dossier Astaldi (+9,23%), congelata anche per eccesso di volatilità.
    Debole A2a (-1,12%), bocciata ad 'hold' dagli analisti di Kepler Chevreux, giù anche Tim (-1,19%), mentre, al di fuori del listino principale corrono Tiscali (+7,78%) e Piaggio (+6,27%), a differenza di D'Amico (-13,11%).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who