Spread chiude a 327, top da oltre 5 anni

Borsa Milano chiude in calo, -1,89% dopo una seduta nervosa, settore bancario sotto pressione

Il differenziale di rendimento fra Btp decennale e bund chiude a 327 punti base, ai massimi dal marzo 2013. Il tasso sul titolo italiano è al 3,67%, livello mai toccato da inizio 2014.

La Borsa di Milano chiude in calo. Il Ftse Mib ha perso l'1,89% a 19.087 punti finendo sui minimi di seduta (e a livello dei minimi da aprile 2017) mentre il listino si appesantiva anche per effetto delle rinnovate tensioni sui titoli di Stato. Seduta nervosa a Milano e incerta in tutta Europa, frenata in avvio dalla debolezza dei mercati asiatici e poi segnata da continui cambi di direzione mentre in Ue si discute della manovra e il Movimento Cinque Stelle parla di un testo manipolato del decreto fiscale. Il settore bancario è ancora sotto pressione e paga l'acuirsi delle tensioni sui titoli di Stato. Il Ftse Mib resta sui minimi da aprile 2017, sulla soglia dei 19mila punti (-1,89% a 19.087) con lo spread che si allarga fino a 327 punti. Banco Bpm è maglia nera tra le banche (-5,7%) con gli hedgefund che si scatenano e aumentano le loro posizioni corte sul titolo: dal 17 ottobre Marshall Wace e WorldQuant detengono una posizione ribassista del 4,18% e dello 0,59%, nelle sedute precedenti hanno costruito le loro anche AHL (1,19%) e AQR (1,01%). Deboli anche Finecobank (-4,6%), Unicredit (-3,4%), Intesa Sanpaolo (-3,3%), Ubi che alla vigilia dell'assemblea sulla governance cede il 3,3%, Banca Mediolanum (-2,5%), Banca Generali (-2,5%) e Bper (-2,16%). Sul listino da segnalare la debolezza di Mediaset (-4,08%) mentre ha tenuto Tim (+0,7%). In Europa lo Stoxx 600 ha cancellato i guadagni della prima parte di seduta lasciando lo 0,5% in scia al calo di Wall Street che ha penalizzato industriali e tecnologici. I titoli delle costruzioni sono bersagliati dagli ordini in vendita dopo che HeidelbergCement ha inaspettatamente tagliato le sue guidance sull'ebitda e in Piazza Affari questo ha pesato su Buzzi Unicem (-6,4%

Asia in deciso calo, pesa riduzione export Giappone  - La riduzione delle esportazioni giapponesi, in calo per la prima volta in 22 mesi, affossa la Borsa di Tokyo (-0,8%), che si trascina dietro gli altri listini asiatici. Sul mercato valutario lo yen è stabile a un livello di 112,60 sul dollaro, e sull'euro a 129,50. I mercati non sono stati aiutati da Wall Street, che ieri ha chiuso in terreno negativo, mentre la Fed ha confermato i graduali aumenti dei tassi di interesse. Intanto, i futures indicano aperture in rosso per le Piazze americana ed europee. Sullo sfondo, restano le tensioni sul commercio tra Cina e Stati Uniti, che pesano soprattutto sulle Borse di Shanghai (-2,1%) e Shenzhen (-1,8%). Giù anche Hong Kong, che perde lo 0,6%. Non va meglio a Seul, in discesa dello 0,87%, mentre Sidney è sulla parità. Fra i dati attesi in giornata, le vendite al dettaglio in Inghilterra a settembre e le richieste settimanali dei sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who