Mps: 10 milioni crediti a 13 partiti

9,7 milioni difficili da recuperare

 Al 31 dicembre 2017, il gruppo Mps "vanta crediti nei confronti di 13 partiti politici per complessivi 10 milioni di euro, di cui 9,7 milioni non performing", ossia deteriorati con scarse probabilità di essere recuperati. E' quanto risponde per scritto la banca a una domanda posta da un azionista, in occasione dell'assemblea in corso a Siena per l'approvazione del bilancio 2017. Il gruppo, viene aggiunto, "vanta crediti per complessivi 67 milioni" di cui 61 performing, nei confronti di "persone fisiche che occupano o che hanno occupato importanti cariche pubbliche come pure i loro familiari diretti o coloro con i quali tali persone intrattengono notoriamente stretti legami". Dei 9,7 milioni di crediti non performing, nei confronti dei partiti, 8,2 milioni rientrano nell'operazione di cessione e cartolarizzazione di crediti in sofferenza.

MORELLI, 2018 SARA' DEVISIVO "Quello che ci eravamo posti come target all'inizio dell'anno siamo riusciti a chiuderlo, e non era assolutamente scontato" e "il 2018 è l'anno più importante per la storia della banca, per i suoi dipendenti e i suoi clienti". Lo ha detto l'amministratore delegato di Mps, Marco Morelli, all'assemblea in corso a Siena. "Lavoriamo per raggiungere gli obiettivi del piano" 2017-2021, ha aggiunto, "ci saranno cose che raggiungeremo in anticipo, altre con uno sviluppo più lento"
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who