Abi,a gennaio sofferenze sotto 60 mld

Calo a 59,3 mld contro i 64,1 del mese precedente

Scendono, a gennaio, sotto la soglia dei 60 miliardi di euro le sofferenze nette delle banche (al netto delle svalutazioni e accantonamenti già effettuati).
    Secondo quanto comunica l'Abi sono calate a 59,3 miliardi di euro contro i 64,1 miliardi del mese precedente "e in forte calo, meno 27,5 miliardi, rispetto al dato di dicembre 2016 (86,8 miliardi). "In 13 mesi si sono quindi ridotte di oltre il 30%. Rispetto al livello massimo delle sofferenze nette raggiunto a novembre 2015 (88,8 miliardi), la riduzione è di quasi 30 miliardi, cioè di un terzo".

CRESCONO PRESTITI Salgono dell'1,9% a febbraio i prestiti delle banche a famiglie e società non finanziarie. E' quanto comunica l'Abi nel rapporto mensile secondo cui "è proseguita la positiva dinamica complessiva del totale dei prestiti in essere (il tasso di crescita annuo risulta su valori positivi da oltre 2 anni)". A gennaio 2018, rileva l'Abi, i finanziamenti alle imprese sono saliti dell'1,8% mentre è cresciuta del +2,8% la dinamica dei prestiti alle famiglie
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who