8 marzo:Cgil,lavoro donne, molto da fare

Quasi venti punti gap occupazionale con uomini

(ANSA) - ROMA, 7 MAR - Le donne in Italia continuano ad avere un gap occupazionale rispetto agli uomini di quasi 20 punti: "c'è ancora molto da fare". Lo scrive in una nota la segretaria confederale della Cgil Tania Sacchetti alla vigilia delle celebrazioni per l'8 marzo.
    "Il lavoro delle donne in Italia - dice - continua ad essere caratterizzato da segregazione occupazionale, impieghi poco qualificati, employment gap, sottoccupazione. Record negativi che allontanano ulteriormente il nostro mercato del lavoro dai livelli degli altri Paesi europei".
    In particolare, Sacchetti lancia l'allarme su alcuni aspetti: "nonostante la crescita della percentuale delle donne occupate - si legge - il gap tra il tasso di occupazione maschile (67,1%) e femminile (48,9%) resta di oltre 18 punti, maglia nera tra gli stati dell'Unione Europea insieme alla Grecia e inferiore solo a Malta. La forbice si allarga tra Centro-Nord e Sud del Paese: nel Mezzogiorno sfiora il 25% contro circa il 15% del resto della penisola".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who