Bitcoin: Cina studia stretta a trading

Media, Pechino valuta blocco siti e apps di scambi centralizzati

La Cina ha messo nel mirino siti web e app che offrono servizi simili a piattaforme di scambi di criptovalute: l'obiettivo di Pechino, riporta Bloomberg citando fonti anonime, è bloccare agli investitori cinesi l'accesso domestico e alle piattaforme offshore di moneta virtuale che consentono scambi centralizzati. L'offensiva anti speculazione, unita al proposito della Corea del Sud di misure che tengono tra le opzioni il bando totale, hanno scosso le criptovalute: Bitcoin è a -8,15%, Litecoin a -7,21% e Ethereum a -8,5%.


Scivolone per il Bitcoin che torna sotto la soglia dei 12.000 dollari per la prima volta dal 22 dicembre scorso. La moneta virtuale ha toccato un minimo di seduta di 11.531 dollari per poi segnare un lieve recupero attorno a quota 12.000.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who