Manovra: Pd 'salva' ambulanti, Bolkestein rinviata al 2020

Emendamento approvato, restano valide concessioni in essere. Via libera della commissione alla manovra, in Aula domattina

Via libera della Commissione Bilancio della Camera alla manovra 2018. Dopo una no-stop di quasi 10 ore la Commissione ha dato mandato al relatore. L'approdo in Aula è previsto domattina.

Nella notte è stato dato il via libera a un emendamento presentato dal Pd per tagliare di un quarto l'obbligo della raccolta delle firme per i partiti non presenti in Parlamento. In base alla riformulazione della misura, 'è ammessa la presenza' di osservatori internazionali dell'Osce presso gli uffici elettorali di sezione 'in occasione di consultazioni elettorali o referendarie'.

Nuovo rinvio - inoltre - per la piena entrata in vigore anche in Italia della direttiva Bolkestein sul commercio ambulante. Un emendamento del Pd approvato nella notte in Commissione Bilancio della Camera prevede che "al fine di garantire che le procedure per l'assegnazione delle concessioni del commercio su aree pubbliche siano realizzate in un contesto temporale e regolatorio omogeneo, il termine delle concessioni in essere alla data di entrata in vigore della presente disposizione e con scadenza anteriore al 31 dicembre è prorogato fino a tale data".

"Il Fondo per le vittime dei reati finanziari sale, nel passaggio alla Camera, dai 50 milioni, inizialmente previsti, a 100 milioni. E' stato approvato in commissione Bilancio un emendamento alla manovra "sui risparmiatori truffati dalle banche" che recepisce quanto proposto dai deputati, Sara Moretto, Federico Ginato e Giovanni Sanga. E' quanto si legge in una nota. "Con questa sostanziale modifica - dice Moretto - le vittime potranno accedere al fondo anche attraverso una procedura di arbitrato presso l'Anac".

"Stop al pagamento in contanti. I datori di lavoro avranno l'obbligo di pagare lo stipendio tramite strumenti tracciabili: sarà così impedito ogni abuso futuro attraverso la prevenzione", lo afferma Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico e prima firmataria dell'emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio. "Mai più truffe a danno delle lavoratrici e dei lavoratori - dice Di Salvo - mai più false buste paga. Ora abbiamo uno strumento per contrastare la pratica diffusa tra alcuni imprenditori scorretti di corrispondere ai lavoratori una retribuzione inferiore a quanto previsto dalla busta paga, sotto il ricatto del licenziamento o della non assunzione".

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video Economia



Vai al sito: Who's Who